Luis Alberto: «Lazio, non rimpiangerai Candreva!»

74
lazio luis alberto
© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio ha Luis Alberto come attaccante esterno e lo ha presentato oggi. Parole importanti per lo spagnolo, che vuol far dimenticare presto il suo omologo Antonio Candreva

Con Antonio Candreva ormai pedina fondamentale dell’Inter, tocca a Luis Alberto tirare su di nuovo la Lazio. Lo stesso spagnolo, arrivato dal Liverpool nell’ultima sessione di calciomercato, ha parlato oggi nella conferenza stampa di presentazione: «Candreva ha fatto molto per la Lazio ma io cercherò di non farlo rimpiangere. Si tratta di un giocatore eccelso ma non è un problema prendere il suo posto, cercherò di fare ciò che so fare e mi è capitato anche nella scorsa stagione di dover sostituire dei giocatori importanti».

IL FEELING CON CIRO – Ancora Luis Alberto: «Conosco bene Immobile perché ha giocato a Siviglia, è una punta dinamica e per questo sono certo che riusciremo a creare molta armonia tra di noi nel reparto offensivo. Spero di segnare molto in coppia con Immobile e che questo ci possa portare in alto in classifica. Sono disposto a fare tutto ciò che ci chiede mister Simone Inzaghi, gioco su tutto il fronte offensivo anche se spesso tendo a spostarmi più nella zona centrale e in una posizione più libera».

ALBERTO STA BENE – Luis Alberto ha chiuso affermando: «Psicologicamente sto bene, fisicamente ho bisogno di tempo perché negli ultimi tempi non ho avuto modo di allenarmi con i miei compagni quindi non sono ancora all’altezza del campionato italiano. Nei prossimi giorni dovrò lavorare più degli altri per dimostrare cio’ di cui sono capace e per meritare la fiducia del tecnico».

Gianmarco Lotti
Giornalista sportivo toscano vivente, amante del calcio come cultura. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón.
Condividi
Articolo precedente
napoli conferenza stampa sarriSarri: «Higuain perdita pesante per il Napoli»
Prossimo articolo
giampaolo praet europa leaguePraet: «Sampdoria in Europa League, ci credo»