Sabatini si presenta: «Inter e Jiangsu devono crescere insieme»

sabatini inter
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni in conferenza stampa del nuovo coordinatore tecnico Walter Sabatini: Suning lo ha scelto per Inter e Suning Jiangsu

Walter Sabatini è il nuovo coordinatore tecnico di Suning Sports Group e questa mattina è stato presentato in conferenza stampa da Nanchino. Sabatini ha svelato in parte il mistero: sarà coordinatore tecnico della branca sportiva del gruppo Suning che detiene due squadre di calcio nel panorama mondiale, il Suning Jiangsu – appunto – e l’Inter. Almeno dalle parole rilasciate in conferenza, la sensazione è che Sabatini vorrà creare un lavoro di stretta sinergia tra il club cinese e quello italiano, il che lascia immaginare che le prime settimane di lavoro dell’ex ds della Roma saranno sopratutto improntate a sistemare le situazioni pendenti nel club cinese che non ha vissuto un grande momento di inizio campionato, per poi dedicarsi ancor maggiormente all’Inter: «E’ un grande piacere e un grande onore ricevere questo impegno, sono una persona ambiziosa e voglio iniziare tutto il lavoro per il gruppo SUning, il cui obiettivo non è solo quello di primeggiare con la prima squadra ma anche quello di creare una cultura interna al club da trasferire al movimento giovanile. Deve crescere tutto il calcio cinese e e, come Suning, vogliamo esserne il motore e il traino. Nella mia mente, Suning e Internazionale Milano sono due realtà che devono crescere insieme parallelamente. Questo per me non sarà un lavoro, ma una missione» afferma con tono epico l’ex direttore sportivo della Roma di fianco a Zhang Jindong e i manager Suning. Prosegue: «Ora lavorerò qui molti giorni, incontrerò il mister del Jiangsu Suning e tutti i calciatori, vogliamo capire qual è il problema e tentare di risolverlo. Chiamerò Lippi, un amico, per capire come si è orientato. Vorrò sempre un occhio, una copertura, qui in Cina e quando non ci sarò io ci sarà qualcun altro, voglio sapere tutti i giorni quello che succede. Non voglio che ci siano Inter e Jiangsu separati, le due squadre sono vicine devono essere sinergiche». 

Condividi