Allegri sfida il Bologna: «Vogliamo passare il turno. Ecco la formazione». Poi l’attacco a Salvini

Allegri_Juve_Genoa
© foto www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato in conferenza stampa presentando il match contro il Bologna, di Coppa Italia

La Juventus affronterà il Bologna, al Dall’Ara, per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Max Allegri, allenatore della Juve, ha parlato in conferenza stampa presentando così il match: «Dobbiamo affrontare la partita in maniera seria, sapendo che si tratta di una gara secca. Ad ora non abbiamo portato niente a casa e da domani sera, sperando fino al 1° giugno, ci giochiamo la stagione. Dybala giocherà e mi aspetto che faccia una bella partita come nelle ultime uscite. Kean? Può giocare, vediamo se dall’inizio o a gara in corso. Domani conta vincere e magari senza andare ai supplementari. Spinazzola? Potrebbe anche giocare dall’inizio, vediamo. Bonucci gioca, Pjanic vediamo. In porta Szczesny in vista della Supercoppa, poi Perin, se dovessimo andare avanti, sarà titolare in Coppa Italia. Ronaldo? Giocherà, vediamo come, quando e perché».

Allegri ha poi parlato di politica e ha lanciato un chiaro messaggio a Salvini e non solo: «Hanno detto le solite cose per riempirsi la bocca. Non bisogna spaccare un atomo in quattro. La cosa è semplice: ci sono degli strumenti negli stadi per andare a prendere chi commette un errore. Quando uno lo prendi e non lo fai più entrare negli stadi, hai risolto un problema ma in Italia abbiamo paura di prendere decisioni. Quello che ha lanciato la banana a Sterling non entra più negli stadi. Se c’è un rigore e iniziano i buu razzisti che facciamo? A me tutto questo fa ridere perché tutti si riempiono la bocca e non fanno nulla. Supercoppa in Arabia? La Lega ha fatto un contratto e noi dobbiamo giocare lì. Pensiamo positivo: le donne saranno allo stadio ed è un piccolo passo in avanti». Infine chiusura su Ramsey: «Ora siamo al completo».