Cagliari, Pavoletti: «Pensavo di fare la vita di Bobo Vieri»

Cagliari, Pavoletti: «Pensavo di fare la vita di Bobo Vieri»
© foto www.imagephotoagency.it

L’attaccante del Cagliari, Pavoletti, ha raccontato i suoi inizi nel mondo del calcio e le sue difficoltà nel diventare quello che è oggi

Il centravanti del Cagliari, Leonardo Pavoletti, sta trovando un’altra stagione sopra le righe con i casteddu. Con quest’anno sono ben tre le stagioni in cui è andato a doppia cifra. E nemmeno un mese fa è arrivato anche il primo gol con la Nazionale. Dopo il gol segnato al Torino nella scorsa giornata, sono 12 le reti segnate in Serie A quest’anno. E Pavoletti non vuole fermarsi. Il “Pavo” si è raccontato ai microfoni di “Cronache di Spogliatoio”, in occasione di una video-intervista online su YouTube. L’attaccante ha raccontato degli inizi e delle sue difficoltà riguardanti il mondo del calcio.

Ecco le sue parole: «Nel 2010-2011 giocai mezza stagione con la Juve Stabia e l’altra metà a Casale, andavo a dormire la sera e temevo che tutto ciò che avevo sempre desiderato mi sarebbe potuto sfuggire di mano. Immaginavo la vita del calciatore come quella che si vede sui giornali, quella in stile-Bobo Vieri che in realtà pochissimi si possono permettere. All’inizio pensavo che bastasse il minimo sforzo, per poter diventare il tipo di calciatore da aperitivo e bella vita. In realtà le cose in campo non andavano benissimo, non dico di essere stato depresso ma certamente molto preoccupato. Ok l’anno prossimo si fa sul serio. E poi ne è venuta fuori la stagione da capocannoniere con il Lanciano in Serie C…»