A tutto Cairo: «De Ligt? Noi diversi e orgogliosi. Il Toro assorbe le mie migliori energie»

A tutto Cairo: «De Ligt? Noi diversi e orgogliosi. Il Toro assorbe le mie migliori energie»
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente del Toro, Urbano Cairo ha parlato sulle pagine del Giornale del club e di alcuni retroscena legati al passato

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha rilasciato un’intervista a 360° sulle pagine del Giornale, dove illustra il suo rapporto con il club granata e svela alcuni importanti retroscena del passato. Le sue parole.

MERCATO – «Affrontiamo il turno di qualificazione con la stessa squadra che ha totalizzato 63 punti in campionato e che nel girone di ritorno ne ha guadagnati 1 meno della Juve e 5 meno dell’Atalanta. Si è dimostrato un gruppo di qualità cui mancherà solo Rincon appena rientrato in sede. Al mercato penseremo dopo. D’altro canto non dobbiamo rivoluzionare la squadra, avremo bisogno di qualche ritocco, eseguito con intelligenza»

DE LIGT – «Noi scegliamo una strada diversa: facciamo un lavoro di ricerca mondiale, cerchiamo giovani da lanciare e valorizzare più italiani di spessore, tipo Sirigu per esempio che ha dato al nostro gruppo talento, esperienza e motivazione»

FOGGIA – «Mi ha telefonato il sindaco di Foggia Franco Landella, persona molto preparata, per chiedermi d’intervenire nel progetto calcistico della sua città. Io conosco bene la passione e l’entusiasmo di quella piazza che ha una grandissima tradizione calcistica. La squadra poi ha i colori rossoneri e io da ragazzo ho sempre tenuto per Toro e Milan. Ho dovuto, a malincuore, declinare l’invito, perché sono abituato a interessarmi in prima persona delle mie aziende. E il Toro assorbe già le mie migliori energie»