Connettiti con noi

Calciomercato

Udinese, de Paul: «Inter per Milito e Samuel, Napoli per Maradona. A giugno vedremo»

Michele Ruotolo

Pubblicato

su

de paul udinese

L’esterno dell’Udinese Rodrigo de Paul parla del proprio futuro di mercato e prova a fare luce in vista dell’estate: da una parte l’Inter, che già lo voleva a gennaio, dall’altra il Napoli…

Il suo nome è da mesi ormai sul taccuino delle big del nostro campionato: l’esterno dell’Udinese Rodrigo de Paul, al termine di una stagione per lui molto positiva, apre la strada ad un possibile trasferimento in estate. Su di lui soprattutto un paio di club al momento: l’Inter e, voce più recente, anche il Napoli. «Se devo essere sincero in questo momento sono concentrato solo sull’Udinese e il mio unico pensiero è conquistare la salvezza, ma le voci sul mio futuro chiaramente le sento – le parole dell’argentino al Corriere dello Sport. Io sono pronto per giocare a calcio ovunque, ma se davvero mi vorranno le squadre che leggo, lo vedremo. Non vado oltre perché potrebbe sembrare una mancanza di rispetto da parte mia parlare di questa o quella società adesso che mi sto giocando la salvezza».

«A giugno ci siederemo attorno a un tavolo con la società e il mio agente e ne discuteremo – ha proseguito de Paul – . L’Inter a gennaio? Io volevo stare qua, nella mia testa era chiaro che fino a giugno sarei rimasto: avevo dato la mia parola perché andare via a metà di un campionato per me era come giocare quarantacinque minuti e poi uscire. Ho una grande amicizia con Diego Milito, che è il segretario tecnico del Racing, e con Samuel, che è il vice-allenatore in Nazionale. Quando Diego parla dell’Inter, gli brillano gli occhi. Idem a Walter. Milano è una bella città e sono orgoglioso di queste voci». Sul Napoli, invece: «Alla mia famiglia è sempre piaciuto tanto il calcio e sono cresciuto con i racconti su Diego Maradona. Quando vado al San Paolo a giocare, tocco con mano l’amore di quella gente. Pensate che a Napoli in albergo mi lasciano dei regali solo perché sono argentino come Maradona: una cosa emozionante».

Advertisement