Juve, ecco cosa ti serve a gennaio

Juve, ecco cosa ti serve a gennaio
© foto www.imagephotoagency.it

Si avvicina il calciomercato di gennaio. Cosa serve alla Juve in vista degli ultimi mesi della stagione 

È difficile migliorare una armata praticamente invincibile ma non impossibile. La Juventus, 17 vittorie e 2 pareggi dopo 19 giornate di campionato, è probabilmente la squadra che ha meno bisogno di rinforzi tra le 20 iscritte alla nostra Serie A ma qualche piccolo miglioramento può far bene anche alla formazione guidata da Massimiliano Allegri. I bianconeri hanno un obiettivo dichiarato: la Champions League. Per vincere la Coppa c’è bisogno di fortuna ma anche di una rosa importante. I bianconeri sono coperti in ogni reparto ma potrebbero approfittare del mercato di gennaio per non arrivare con la coperta corta al termine della stagione, quando i punti e le partite inizieranno realmente a pesare, quando inizierà la raccolta dopo la semina nei mesi invernali.

La Juventus avrebbe bisogno di un ulteriore rinforzo a centrocampo. La crescita di Rodrigo Bentancur è stata importantissima in questo inizio di stagione. L’uruguaiano ha rimpiazzato splendidamente Emre Can e Khedira ma non va dimenticata la giovane età del mediano (è un classe 1997) che lo porta a commettere degli errori (vedi l’espulsione rimediata a Bergamo), naturalmente tutti errori che fanno parte del processo di crescita di un giovane 21enne. La Juve, per circa 2 mesi si è ritrovata con tre soli centrocampisti a disposizione e potrebbe risentirne nei prossimi mesi.

Non bisogna lasciare nulla al caso perché, come ripetono spesso dalle parti della Continassa, la Champions è la Coppa dei dettagli. Puntellare la rosa con un centrocampista d’esperienza internazionale potrebbe consentire alla Juventus e a Max Allegri di dormire sonni tranquilli in caso di raffreddore ai suoi centrocampisti titolari. La Juve ha in pugno Ramsey per la prossima stagione e noi lanciamo la nostra provocazione: perché non anticipare l’arrivo di Ramsey a gennaio versando un “contentino” nelle casse dell’Arsenal?