Quando Calhanoglu fu squalificato per 4 mesi e rinunciò allo stipendio

calhanoglu
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista turco non è sceso in campo negli ultimi 4 mesi della stagione. Calhanoglu è stato squalificato dalla FIFA: ecco perché

I tifosi del Milan sono in estasi per l’arrivo di Hakan Calhanoglu. I tifosi rossoneri sognano in grande con quello che potrebbe essere il nuovo numero 10. Il giocatore più decisivo in Europa sui calci da fermo negli ultimi anni è sbarcato a Milano e i tifosi del Milan sognano in grande. Hakan nell’ultima stagione però è sceso in campo solo 15 volte in Bundesliga, realizzando 3 gol. Il giocatore, forse non molti lo ricordano, non ha potuto disputare la seconda parte di stagione con il Bayer Leverkusen, a causa di una squalifica inflitta dal Tas e dalla FIFA. Al giocatore, nel mese di febbraio, è stata inflitta una squalifica di 4 mesi, più una multa da 100mila euro, a causa di una firma con il Trabzonspor, arrivata quando era ancora minorenne! Sì, la squalifica è arrivata per la firma del giocatore con i turchi, nel 2011. Il centrocampista firmò con il club turco alvo poi restare in Germania al Karlsruhe, squadra proprietaria del cartellino, per altri due anni, prima di andare all’Amburgo nel 2013. Il Trabzonspor nel 2013 ha inviato formale reclamo alla FIFA e ha avuto ragione, con 4 anni di distanza. Il centrocampista però ha compiuto un gesto encomiabile: ha rinunciato allo stipendio nel periodo di squalifica.