Carraro esce allo scoperto: «Pronto a mettermi a disposizione»

franco carraro
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo il vociferare su una sua possibile nuova carica in FIGC, Franco Carraro dichiara che è pronto a tornare a lavorare in Federazione

Torna a parlare Franco Carraro. In un’Italia che in un colpo solo si ritrova senza presidente di Serie A, di Serie B, di Figc e senza ct, il poltronissimo, dichiara tutta la sua disponibilità a tornare ad occupare un ruolo all’interno della Federcalcio. Sulle onde di Radio Kiss Kiss ammette: «Io il dopo Tavecchio? Credo ci voglia un rinnovamento alla classe dirigente e se qualcuno mi chiede di dare una mano e mettere a disposizione la mia esperienza, ben venga. Ho un lungo passato, ma non posso avere un futuro, metto però a disposizione le mie idee. Se si pensa che possa dare dei consigli e la mia esperienza va benissimo, ma mi fermo lì, non come commissario della Federcalcio. Domani parteciperò alla giunta del Coni e la storia insegna che il commissario federale è stato sempre il presidente o segretario generale del Coni».

Sull’ipotesi commissariamento della Figc invocato da Giovanni Malagò, Carraro si dice concorde e non escluse che sarà proprio lui il commissario: «Dopo le dimissioni di Tavecchio credo sia giusto un periodo di commissariamento, non lunghissimo, ma che consenta di cambiare le regole e la classe dirigente. D’altra parte, non dimentichiamo che una situazione analoga nel 58, con un periodo di commissariamento rivoluzionò le regole del calcio. Il presidente della Federazione fu l’allora giovanissimo Agnelli. Penso che una gestione commissariale che porti a regole nuove possa servire affinché si abbia una riforma radicale. Io commissario alla Figc? Non ho mai risposto alle ipotesi…».