Champions League: Napoli – Borussia Dortmund, moviola

© foto www.imagephotoagency.it

CHAMPIONS LEAGUE NAPOLI BORUSSIA DORTMUND MOVIOLA – L’impresa del Napoli, la vittoria ai danni del Borussia Dortmund, è stata sicuramente agevolata da alcuni episodi, come l’espulsione di Klopp e quella successiva di Weindenfeller, analizzati dai colleghi della Gazzetta dello Sport nella consueta moviola, apparsa nell’edizione odierna:

«Il Borussia Dortmund si è complicato da solo la vita al San Paolo, proprio in concomitanza con il vantaggio del Napoli. Dopo il gol di Higuain, infatti, Klopp si è rivolto con furia al quarto uomo Tomé, urlandogli in faccia, e poi ha battuto ironicamente le mani all’arbitro Proença: il motivo di tanta ira è l’ingresso in campo tardivo di Subotic (che si era fatto male poco prima ed era stato costretto a uscire), fattore determinante per il tecnico tedesco in occasione del gol perché i suoi non sono riusciti a coprire l’assenza del centrale «scalando» in difesa come avrebbero dovuto. La protesta però era troppo sopra le righe, e Proença dopo l’applauso ha invitato Klopp a lasciare il campo. L’altro episodio importante sul finale di tempo: Insigne ha recuperato palla sulla sinistra e lanciato preciso per Higuain che si è infilato tra i centrali tedeschi, e il portiere Weidenfeller nel tentativo di anticipare in uscita l’argentino ha colpito il pallone con le mani poco fuori dall’area. Anche qui, rosso sacrosanto. Proença vede bene anche in occasione dei gialli (Behrami, Britos, Schmelzer e Insigne per la maglia tolta dopo il 2-0), nella ripresa sbaglia l’assistente Trigo su Insigne (sbandierato un fuorigioco che non c’era).»