Connettiti con noi

Focus

De Zerbi, il tecnico che si ama o si odia. Ora con un trofeo in più. E non dite che era facile

Pubblicato

su

De Zerbi

Roberto De Zerbi ha trovato il primo successo da allenatore con la Supercoppa ucraina con il suo Shakhtar Donetsk

Roberto De Zerbi o si ama o si odia. A giudicare dal comportamento, civile e poco civile con quest’ultimo che ovviamente non merita considerazione alcuna, è così. L’allenatore ex Sassuolo ha sempre fatto discutere e continua a far discutere. Pletore di DeZerbiani o DeZerbisti che dir si voglia difendono a spada tratta grazie al bel gioco mostrato dalle sue squadre. E’ successo a Foggia in Serie C. E’ successo anche a Palermo, anche se il tecnico ha vissuto solo una fugace avventura in rosanero (ma con Zamparini non poteva essere altrimenti). Idem a Benevento nonostante la retrocessione in Serie B. E lo stesso è accaduto a Sassuolo dove per 3 anni i neroverdi hanno praticato un bellissimo calcio, tra i più belli d’Italia e non solo, con il tecnico elogiato tantissimo anche all’estero (pagine sul ‘fenomeno Sassuolo’ e su De Zerbi anche su L’Equipe, ad esempio, o su El Pais, quotidiano politico spagnolo, il nostro Corriere della Sera per intenderci).

Il DeZerbismo ha portato alla vittoria lo Shakhtar

E ora De Zerbi, uno dei tecnici più discussi, ha anche vinto un trofeo (arrivare per due anni ottavi col Sassuolo non è valso un trofeo ma è come se lo fosse). I tifosi del Foggia si perdoneranno se consideriamo la Supercoppa con i rossoneri un trofeo importante ma comunque minore. Il primo vero grande trofeo di Roberto De Zerbi è arrivato pochi giorni fa, grazie al netto successo per 3-0 del suo Shakhtar Donetsk sulla Dinamo Kiev di Lucescu, uno degli ex della sfida e l’allenatore più vincente dell’Ucraina. Sì, dunque il calcio di De Zerbi può portare alla vittoria. Gli scettici ovviamente prenderanno per blasfemia questo astruso concetto. «Ma è facile farlo in Ucraina». Forse, ma intanto provateci voi! Il tecnico dopo le esperienze in Italia si è messo in gioco in un campionato sicuramente di secondo livello ma in una squadra che gli ha lasciato libertà, concetto fondamentale per lui. E i primi risultati sono arrivati. Qualificazione ai gironi di Champions (seppur con un pizzico di fortuna) e primo trofeo in tasca, alla prima finale giocata. Vincere non è mai facile. A ogni latitudine. E se ci fosse una formula per vincere l’avrebbero già usata tutti, vero Al-Khelaifi?. De Zerbi, il tecnico che si ama o si odia, ha vinto a suo modo. Dimostrando che è possibile. In attesa di vederlo in palcoscenici di primissimo livello. Piaccia o non piaccia. Ma d’altronde nemmeno Gesù piaceva a tutti.