Donadoni: «Allenare l’Atalanta? Sarebbe una bella storia, per ora faccio il tifoso»

bologna
© foto Valentina Martini

Roberto Donadoni ha parlato sulle pagine della Gazzetta dello Sport dell’emergenza Coronavirus e della stagione dell’Atalanta

Sulle pagine della Gazzetta dello Sport Roberto Donadoni, attuale tecnico dello Shenzhen, parla dell’emergenza Coronavirus e della stagione dell’Atalanta.

EMERGENZA IN CINA – «La Cina è stata lungimirante, così ha gestito un problema tanto grave. Ora siamo in quarantena, i 15 giorni stanno per finire: proviamo la temperatura due volte al giorno e, ovviamente, non ci alleniamo. Non c’è ancora una data certa sulla partenza del campionato, tuttavia non credo manchi molto».

ATALANTA – «Allenarla? Se accadesse sarebbe una bella storia, intanto me la gusto da tifoso. E sono felice, la nostra gente merita una squadra a questi livelli».

CHAMPIONS LEAGUE – «Una bella avventura. E non si parli di favola: per l’Atalanta non vale, non lo è più da tempo. È una reltà assoluta che sta acquisendo sempre più consapevolezza. E il cammino in Europa parla chiaro: tre k.o. all’inizio, adesso può puntare addirittura alle semifinali. Io non solo ci spero, ma ci credo seriamente».

ILICIC – «A Zingonia ha trovato la propria dimensione e si è consacrato. Ha sempre avuto qualità indiscutibili, ma qui si è integrato alla grandissima e la sensazione è che possa an- dare avanti a lungo. È decisivo, ancor di più lo è il gruppo, che è la parte più importante».