Emergenza Coronavirus, Nainggolan: «Farò una bella serata quando tutto sarà finito»

Nainggolan Fiorentina
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Radja Nainggolan, intervenuto nel corso della diretta Instagram del Cagliari con Eleonora Boi

Radja Nainggolan, centrocampista del Cagliari, ha parlato nel corso della diretta Instagram progettata dal club durante l’emergenza Coronavirus. Ecco le parole del giocatore nel corso dell’intervista con Eleonora Boi.

CENTROCAMPISTI PREFERITI«Non è facile, ce ne sono tanti di forti. Mi piace Modric perché è un tuttofare. Ho sempre avuto difficoltà con Seedorf, è l’unico che non mi ha mai fatto vedere la palla, ho sempre rosicato. Poi ci sono Strootman, prima dell’infortunio era fortissimo. De Rossi era fenomenale, Pjanic qualitativamente è un grandissimo. Anche Brozovic sta facendo bene all’Inter. Dei giovani mi piace Barella».

CAGLIARI «Il campionato è ancora lungo, poi vedremo se finirà. Mancano 13 partite, vediamo dove arriveremo. Sono molto legato qua, ma sono sempre rimasto in buoni rapporti con tutti nelle società in cui sono stato. A volte scrivono che sono uno che crea problemi negli spogliatoi, ma sono cose inventate. Io ho sempre detto ciò che penso, non vedo perché dovrei inventarmi certe cose».

APPELLO AI TIFOSI – «Dobbiamo stare a casa per forza per uscirne prima. Stare dentro casa è una noia assurda, la vita vera è quella quotidiana. Stare al campo è un’altra cosa. Bisogna stare in casa e sperare che questo momento passi al più presto».

RITIRO – «Ho sempre detto che avrei voluto giocare fino a 34-35 anni, ma ora ho cambiato idea. Voglio giocare fino a 50 anni, stare a casa non fa per me.».

PROPOSITI DI FINE QUARANTENA – «Cosa farò quando finirà la quarantena? Mi farò una bella serata come ai vecchi tempi».