Juve-Milan top e flop: segna sempre CR… 19, Chiellini monumentale e Rodriguez distratto

Juve-Milan top e flop: segna sempre CR… 19, Chiellini monumentale e Rodriguez distratto
© foto www.imagephotoagency.it

Juve-Milan top e flop, le pagelle: segna sempre CR… 19, Chiellini monumentale, Rodriguez distratto. Douglas Costa sgasa a destra e a manca, Dybala in ombra

Prende la via di Torino, dopo un lungo itinerario fino a toccare Gedda, il primo trofeo italiano della stagione: la Juventus supera 1-0 il Milan in Arabia Saudita e fa sua la Supercoppa Italiana. Diventando primatista solitaria per successi nella competizione con otto trionfi.

Juve-Milan: promossi Cristiano Ronaldo, Chiellini e Douglas Costa

CRISTIANO RONALDO – Non una prestazione indimenticabile, epperò… epperò quello di Gedda è stato il gol numero 19 in 28 finali disputate in carriera. Un dato rilevante per spiegare chi sia e quanto dia alle sue squadre CR7.

CHIELLINI – Il gol di Ronaldo, l’assist di Pjanic, le giocate sull’asse Cancelo-Costa. Tutto bello, tutto vero. Ma poi c’è sempre e comunque lui, lì dietro. A spazzare l’area di rigore, a dominare nel gioco aereo. A blindare i successi bianconeri.

DOUGLAS COSTA – Sgasa qua e là, seminando sempre e comunque il panico. A destra come a sinistra, dove svaria senza dare né riferimenti né speranze alla retroguardia rossonera.

Juve-Milan: bocciati Kessié, Ricardo Rodriguez e Dybala

KESSIE’ – Il manifesto di quanto sostiene Gattuso quando spiega davanti ai microfoni che questa squadra difetta per tenuta mentale. Intervento gratuito a lasciare i suoi in inferiorità numerica e privi di speranze. Perché?

RICARDO RODRIGUEZ – Avvio da pugno nello stomaco con Cancelo e Douglas Costa ad imperversare sulla sua corsia di competenza, condisce il tutto con la distrazione che tiene in gioco Ronaldo sulla scodellata di Pjanic e – di fatto – decide la partita.

DYBALA – Svolge il compitino, che non è esattamente quello che ci si attende dalla Joya in un contesto del genere. Troppo molle per incidere davvero in una finale che avrebbe potuto e dovuto esaltarlo.

@DanieleGalosso