Mondiali 2014, CN24.com vi porta in Brasile: tour dei 12 stadi

© foto www.imagephotoagency.it

Viaggio tra gli stadi che ospiteranno le sfide dei Mondiali

MONDIALI 2014 BRASILE SCHEDA STADISe il calcio per molti è una religione, gli stadi allora sono il tempio indispensabile per professarla. Questa è la percezione anche in Brasile, dove però questo è stato un tema piuttosto controverso e delicato: sono nove, infatti, gli operai morti negli impianti del Mondiale 2014; otto incidenti sul lavoro ed un deceduto a causa di un infarto nel Convention Center accanto allo stadio di Manaus, dove l’Italia esordirà contro l’Inghilterra il 14 giugno. L’attesa per il massimo torneo calcistico sta crescendo sensibilmente e allora CalcioNews24.com vuole guidarvi in un tour per conoscere meglio gli stadi che ospiteranno il Mondiale e che presto saranno virtualmente la nostra seconda casa.

ARENA AMAZONIA (MANAUS): Il viaggio non può che partire dallo stadio che ospiterà la prima gara degli azzurri. A Manaus, una delle maestose attrazioni dell’Amazzonia, comincerà l’avventura della squadra di Cesare Prandelli, che dovrà fare i conti con un’umidità superiore all’80% ed una temperatura che raggiunge i 40°. Si giocherà nello stadio sorto sulle macerie dell’Estadio Vivaldo Lima, demolito per far posto al nuovo impianto. Per il progetto ci si è ispirati alla foresta amazzonica, che circonda Manaus, e ripropone la forma di una cesta indigena ed è ecosostenibile:  prevede, ad esempio, il riciclo dell’acqua piovana (impiegata poi nelle toilette e per irrigare il campo), sistemi per la ventilazione naturale, così da ridurre il consumo di energia, pareti che controllano la temperatura all’interno dello stadio e sfruttano l’energia solare. L’Arena Amazonia, che ha una capienza di 42374 posti, ospiterà anche le seguenti sfide:

CAMERUN-CROAZIA (18 giugno, ore 24:00 ITA)

USA-PORTOGALLO (22 giugno, ore 24:00 ITA)

HONDURAS-SVIZZERA (25 giugno, ore 22:00 ITA)

ARENA PERNAMBUCO (RECIFE): Il secondo match degli azzurri, quello contro la Costa Rica, si disputerà a Recife in un impianto che rientra in un complesso articolato e comprendente anche ristoranti, centri commerciali e cinema. Frutto della partnership tra il settore pubblico e privato, lo stadio è stato già utilizzato in occasione della Confederations Cup nel 2013. Il complesso, che prevede una capienza di 44248 persone, è stato modificato a costruzione in corso: il rivestimento, che doveva essere di vetro e alluminio, è stato sostituito con il materiale utilizzato per l’Allianz Arena del Bayern Monaco, cioè con un tipo di plastica trasparente (ETFE), che consente la variazione dei colori, ma in questo caso saranno utilizzate luci LED. Una delle particolarità di questo impianto è che comprende una centrale solare, che può produrre fino a 1 megawatt di energia, quanto basterebbe per soddisfare il fabbisogno di sei mila persone. In questo stadio assisteremo anche alle seguenti sfide:

COSTA D’AVORIO-GIAPPONE (14 giugno, ore 03:00 ITA)

CROAZIA-MESSICO (23 giugno, ore 22:00 ITA)

USA-GERMANIA (26 giugno, ore 18:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ gruppo D e la 2^ gruppo C (29 giugno, ore 22:00 ITA)

ESTADIO DA DUNAS (NATAL): la fase a gironi degli azzurri si concluderà con la sfida contro l’Uruguay a Natal, presso lo stadio costruito dopo la demolizione del Machadão. Il nome dell’impianto riprende una delle attrazioni naturali della regione, cioè le dune di sabbia, che ispirano la forma stessa dello stadio, che è costituito da una struttura ondulata. Una scelta non solo stilistica, ma anche funzionale, perché in questo modo gli spettatori vengono protetti dai raggi solari e possono godere di una piacevole brezza. Trattasi di uno dei progetti più lodati dagli ispettori della FIFA e che intende soddisfare anche le esigenze extra-sportive, come gli eventi musicali e culturali. L’impianto, che ha una capienza di 42086 posti, ospiterà anche le seguenti sfide:

MESSICO-CAMERUN (13 giugno, ore 18:00 ITA)

GHANA-USA (16 giugno, ore 24:00 ITA)

GIAPPONE-GRECIA (19 giugno, ore 24:00 ITA)

ARENA CORINTHIANS (SAO PAULO): La partita d’esordio dei Mondiali tra Brasile e Croazia si disputerà a Sao Paulo presso lo stadio, situato a Itaquera (nella zona orientale della città), che ospiterà poi le partite del Corinthians. E’ questo lo stadio balzato alla cronaca per il crollo della struttura metallica, che ha causato la morte di tre operai. Lo stadio, costruito per l’80% con elementi prefabbricati nell’area circostante il cantiere, ha il maxischermo più grande in ambito calcistico (170 metri di larghezza e 20 di altezza), realizzato con vetro extrachiaro per assicurare trasparenza e neutralità al colore, garantendo immagini senza alterazioni, e prevede una capacità di 65807 posti. Ospiterà anche le seguenti sfide:

URUGUAY-INGHILTERRA (19 giugno, ore 21:00 ITA)

OLANDA-CILE (23 giugno, ore 18:00 ITA)

COREA DEL SUD-BELGIO (26 giugno, ore 22:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ gruppo F e la 2^ gruppo E (1 luglio, ore 18:00 ITA)

SEMIFINALE (9 luglio, ore 22:00 ITA)

ARENA DE BAIXADA (CURITIBA): Considerato uno degli stadi più moderni del Brasile, l’unico tra l’altro che rispetta integralmente le norme FIFA, l’impianto dell’Atletico Paranaense ha subito comunque nuovi lavori per aumentare la capienza e migliorare le strutture, che prevedono tra le altre cose poltroncine di polipropilene importate dalla Spagna, ben otto spogliatoi e addirittura 10 camerini per spettacoli, visto che lo Stadio Joaquim Américo Guimarães, che ha una capienza di 41456 posti, può ospitare altri eventi, oltre alle partite di calcio. Qualche problema è stato riscontrato il mese scorso in merito alla copertura wi-fi: sebbene questo aspetto non rientri nei parametri d’eccellenza della FIFA, il club brasiliano ha provveduto all’intervento anche per la copertura mobile. In tale impianto si giocheranno:

IRAN-NIGERIA (16 giugno, ore 21:00 ITA)

HONDURAS-ECUADOR (20 giugno, ore 24:00 ITA)

AUSTRALIA-SPAGNA (23 giugno, ore 18:00 ITA)

ALGERIA-RUSSIA (26 giugno, ore 22:00 ITA)

 

ARENA FONTE NOVA (SALVADOR): Costruito dopo la demolizione dell’Estadio Octavio Mangabeira, l’impianto riprende il suo predecessore, ma è costituito da materiale più leggero edal tetto in metallo. Frutto di una joint-venture tra il settore pubblico e quello privato, lo stadio ospita anche un ristorante panoramico, oltre a negozi, alberghi, un museo ed una sala da concerto. Dopo l’inaugurazione dell’impianto sono stati sollevati alcuni problemi relativi alla scarsa visibilità: almeno sei mila tifosi del primo anello della gradinata hanno ravvisato, infatti, dei punti “ciechi” anche a causa della presenza di alcuni pannelli. Il nuovo stadio, che ha una capienza di 48747 posti, ospiterà quattro partite della fase a gironi, una degli ottavi e un quarto di finale:

SPAGNA-OLANDA (13 giugno, ore 21:00 ITA)

GERMANIA-PORTOGALLO (16 giugno, ore 18:00 ITA)

SVIZZERA-FRANCIA (20 giugno, ore 21:00 ITA)

BOSNIA-IRAN (25 giugno, ore 18:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo H e la 2^ del gruppo G (1 luglio, ore 22:00 ITA)

QUARTI DI FINALE (5 luglio, ore 22:00 ITA)

ARENA PANTANAL (CUIABA): Non sorprende che uno dei temi centrali per la costruzione, inaugurata dopo la demolizione dell’impianto precedente, e la manutenzione dello stadio sia la sostenibilità, visto che ci troviamo in una delle più ricche zone dal punto di vista della flora e della fauna. Ed, infatti, è stato, ad esempio, utilizzato materiale riciclato, nonché legno proveniente da fonti certificate. La qualità dell’aria e del suolo è costantemente monitorata, tanto che lo stadio, costruito appositamente per i Mondiali, viene soprannominato “O Verdão” (Il Grande Verde). Ha anche una struttura flessibile: la capienza di 42968 posti sarà ridotta a 28 mila posti quando il torneo sarà concluso, visto che verranno eliminate le tribune superiori delle due curve. L’arena, inoltre, è coperta, permettendo così l’organizzazione di eventi come spettacoli, mostre e fiere. Di seguito le sfide che si disputeranno in questa struttura:

CILE-AUSTRALIA (13 giugno, ore 24:00 ITA)

RUSSIA-COREA DEL SUD (17 giugno, ore 24:00 ITA)

NIGERIA-BOSNIA (21 giugno, ore 24:00 ITA)

GIAPPONE-COLOMBIA (24 giugno, ore 22:00 ITA)

ESTADIO BEIRA-RIO (PORTO ALEGRE): costruito su terreni bonificati sulle rive del fiume Guaiba, lo stadio è la casa dell’Internacional e teatro di molti avvincenti derby con il Gremio, oltre che di quattro finali di Copa Libertadores. Trattasi del più grande campo di calcio del sud del Brasile, tanto che è stato soprannominato “Il Gigante di Beira-Rio”, l’impianto è stato costruito in dieci anni e grazie alla donazione di mattoni, cemento e ferro da parte di alcuni tifosi. Lo stadio in passato ha anche ospitato diversi concerti, tra cui uno di Luciano Pavarotti nel 1998. Ristrutturato in vista dei Mondiali, il complesso, che può ospitare 48849 persone, è stato dotato di un tetto in un metallo innovativo. Qui assisteremo alle seguenti partite:

FRANCIA-HONDURAS (15 giugno, ore 21:00 ITA)

AUSTRALIA-OLANDA (18 giugno, ore 18:00 ITA)

COREA DEL SUD-ALGERIA (22 giugno, ore 21:00 ITA)

NIGERIA-ARGENTINA (25 giugno, ore 18:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo G e la 2^ del gruppo H (30 giugno, ore 22:00 ITA)

ESTADIO CASTELAO (FORTALEZA): Oggetto di ristrutturazione in occasione dei Mondiali, lo stadio, che ora tra le tante novità presenta un tetto più grande, un’area vip, un parcheggio sotterraneo con 4200 posti e due stazioni della metropolitana, è stato il primo dei dodici impianti completati. La struttura, che ha ospitato anche alcune partite della Confederations Cup (tra cui la semifinale tra Spagna e Italia), sarà anche la sede di alcune partite del torneo di calcio delle Olimpiadi estive del 2016, che si terranno a Rio de Janeiro. Lo stadio, che può ospitare 64846 persone, sarà il teatro di ben sei sfide:

URUGUAY-COSTA RICA (14 giugno, ore 21:00 ITA)

BRASILE-MESSICO (17 giugno, ore 21:00 ITA)

GERMANIA-GHANA (21 giugno, ore 21:00 ITA)

GRECIA-COSTA D’AVORIO (24 giugno, ore 22:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo B e la 2^ del gruppo A (29 giugno, ore 18:00 ITA)

SEMIFINALE (4 luglio, ore 22:00 ITA)

ESTADIO MINEIRAO (BELO HORIZONTE): uno degli impianti più storici del calcio brasiliano, casa tra l’altro dell’Atletico Mineiro e del Cruzeiro, lo stadio ha subito una revisione completa prima di ospitare la Confederations Cup ed in vista delle sei partite dei Mondiali, tra cui un ottavo di finale ed una semifinale. Nel progetto di rinnovamento è stato inserito l’abbassamento del campo ed il miglioramento dell’accessibilità allo stadio sempre seguendo i principi dell’eco-sostenibilità, tanto che può essere raccolta e riutilizzata l’acqua piovana. L’impianto, che è stato teatro di sfide avvincenti, come quelle contro la storica rivale dell’Argentina nelle partite di qualificazione, è stato oggetto di lavori per la riduzione della capienza: si diceva che nel 1997 potesse ospitare ben 132834 persone, di sicuro ora potrà accoglierne 62547. Di seguito le sfide a cui farà da cornice:

COLOMBIA-GRECIA (14 giugno, ore 18:00 ITA)

BELGIO-ALGERIA (17 giugno, ore 18:00 ITA)

ARGENTINA-IRAN (21 giugno, ore 18:00 ITA)

COSTA RICA-INGHILTERRA (24 giugno, ore 18:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo A e la 2^ del gruppo B (28 giugno, ore 18:00 ITA)

SEMIFINALE (8 luglio, ore 22:00 ITA)

ESTADIO NACIONAL (BRASILIA): La penultima tappa prevede la sosta nel secondo più grande impianto dei Mondiali, che prevede una capienza di 70064 persone. L’impianto precedente è stato demolito per far posto ad un altro con una nuova facciata, un tetto in metallo ed un campo ribassato per permettere una visibilità perfetta da qualsiasi posto. Costruito con materiale riciclato e raggiungibile facilmente dai mezzi pubblici, la struttura consolida Brasilia come leader mondiale nella progettazione urbana sostenibile e per la creazione di un patrimonio prezioso per l’economia locale. L’Estadio Nacional, che ha ospitato la partita inaugurale della Confederations Cup e ospiterà anche grandi concerti ed eventi culturali, sarà la casa di sette partite dei Mondiali, tra cui un ottavo di finale, una semifinale e la sfida per il terzo posto:

SVIZZERA-ECUADOR (15 giugno, ore 18:00 ITA)

COLOMBIA-COSTA D’AVORIO (19 giugno, ore 18:00 ITA)

CAMERUN-BRASILE (23 giugno, ore 22:00 ITA)

PORTOGALLO-GHANA (26 giugno, ore 18:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo E e la 2^ del gruppo  F (30 giugno, ore 18:00 ITA)

SEMIFINALE (5 luglio, ore 18:00 ITA)

FINALE PER IL 3° E 4° POSTO (12 luglio, ore 22:00 ITA)

MARACANA (RIO DE JANEIRO): Il viaggio non può che concludersi nello stadio che sarà il teatro della finale dei Mondiali, il più grande stadio del mondo, ricordato per la storica finale contro l’Uruguay. Il progetto di ristrutturazione in vista del torneo ha portato alla demolizione dell’anello inferiore e alla costruzione di un nuovo anello che offre una migliore visibilità, l’espansione delle rampe di accesso e la sostituzione di tutti i posti a sedere, che riprendono i colori nazionali brasiliani. Lo stadio è stato inoltre dotato di un nuovo tetto in teflon con un sistema innovativo di raccolta dell’acqua piovana, mentre la facciata, che è stata inserita nella lista dei patrimoni storici e artistici del Paese, è rimasta intatta. Nonostante i lavori, il Maracanà ha continuato ad attirare tifosi, che hanno potuto seguire la ristrutturazione dalla “Torre di Vetro”, costruita per l’occasione. Di seguito le partite che saranno ospitate:

ARGENTINA-BOSNIA (15 giugno, ore 24:00 ITA)

SPAGNA-CILE (18 giugno, ore 21:00 ITA)

BELGIO-RUSSIA (22 giugno, ore 18:00 ITA)

ECUADOR-FRANCIA (25 giugno, ore 22:00 ITA)

OTTAVI DI FINALE tra la 1^ del gruppo C e la 2^ del gruppo D (28 giugno, ore 22:00 ITA)

QUARTI DI FINALE (4 luglio, ore 18:00 ITA)

FINALE (13 luglio, ore 21:00 ITA)