A tutto Petrachi: «Il Toro è già forte così. Vi svelo un retroscena su Meité. E sul Var…»

A tutto Petrachi: «Il Toro è già forte così. Vi svelo un retroscena su Meité. E sul Var…»
© foto www.imagephotoagency.it

Il direttore sportivo del Torino, Gianluca Petrachi, ha parlato del mercato di gennaio dei granata, ma non solo

Premio “Amico dei bambini” per Gianluca Petrachi. Il ds del Torino ha parlato a margine della premiazione dicendo la sua sul mercato dei granata: «Sono convinto che la nostra squadra è forte. Abbiamo avuto un inizio di campionato con qualche difficoltà, poi ci siamo ripresi e siamo arrivati molto bene alla sosta. Purtroppo abbiamo avuto queste due brutte sconfitte, l’eliminazione in Coppa Italia con la Fiorentina e il k.o. con la Roma. Nate soprattutto a causa delle disattenzioni difensive. In questo momento ci sta mancando quella sana cattiveria che avevamo prima della sosta. Ma sono sicuro che ci risolleveremo presto. Siamo forti».

Il ds Petrachi ha poi svelato un retroscena sull’arrivo di Meité: «Sapevo che il ragazzo non andava d’accordo con Jardim, l’allenatore del Monaco, e che al Monaco piaceva il mio Barreca – riporta La Gazzetta dello Sport – Così mi sono inserito, cercando di convincere il giocatore che aveva tante richieste spiegandogli il progetto del Torino. Tanti giocatori che sono arrivati da noi un po’ acerbi poi sono diventati ottimi calciatori. In questo facciamo un grande lavoro. Meité ha capito e ora sta dimostrando di poter diventare un ottimo giocatore». Chiosa sul Var: «Poco fa ne parlavo con Rizzoli, e credo che sul tema della Var il Torino abbia fatto giurisprudenza a causa delle tante cose che sono successe. Basta pensare solo al caso Berenguer, al quale l’anno scorso hanno annullato un gol regolare a Bologna e quest’anno un altro regolare a Udine. Evidentemente, il ragazzo è sfigato di suo… (sorride, ndr). Il punto è che negli incontri tra le società e gli arbitri si dicono alcune cose e poi non si realizzano. E ci si resta ancora più male se accade sempre al Torino. Si colpisce una società che ha oltre un milione di tifosi. Che merita assoluto rispetto».