Connettiti con noi

News

Dotto: «Ho parlato male di Totti e mi auto-querelo»

Pubblicato

su

Roma, il giornalista Giancarlo Dotto torna sulla polemica nata dopo le dichiarazioni nei confronti di Francesco Totti e risponde a chi lo ha attaccato: «Accuso il capitano di non aver mai voluto cambiare l’anomalia giallorossa»

Continua ancora la polemica relativa ad un articolo di qualche giorno del giornalista Giancarlo Dotto che, in una intervista su Il Tempo, aveva attaccato il capitano della Roma Francesco Totti, accusandolo senza mezzi termini di essere diventato, per carisma ed età, un peso per la sua squadra e non più una risorsa. Lo stesso Totti aveva valutato, secondo le indiscrezioni che si erano succedute poi, la possibilità querelare Dotto, attaccato ieri anche da un altro giornalista romanista, Paolo Liguori. Oggi la replica di Dotto: «Sto seriamente consultando l’avvocato per capire se esistano piuttosto le condizioni dell’auto-querela, per via del demente stoicismo che mi spinge a recidivare nel tentativo di chiarire che è forse troppo chiaro». Dotto spiega di non aver voluto mai offendere Totti, ma di aver piuttosto voluto mettere in risalto la contraddizione del tifo romanista che ha elevato a divinità un giocatore dimenticando invece dei problemi della squadra.

DOTTO: «TOTTI NON HA FATTO NIENTE PER CAMBIARE LE COSE» – Dotto infatti spiega nel medesimo editoriale: «L’unica e sola cosa che mi sento di contestare a Francesco Totti, giocatore peraltro colpevole di avermi procurato infiniti e magnifici orgasmi, è di non aver fatto nulla, potendolo e dovendolo fare, per cancellare questa anomalia».