Connettiti con noi

Hanno Detto

Roma, Tiago Pinto: «In Serie A servono politiche per i giovani»

Pubblicato

su

tiago pinto

Prima della partita contro il Bodo/Glimt, Tiago Pinto, ds della Roma, ha presentato la sfida di Conference League

Prima della partita della Roma in Conference League contro il Bodo, ha parlato ai microfoni di SkySport Tiago Pinto. Ecco le sue parole.

CONFERENCE LEAGUE – «Io credo che la mentalità vincente si costruisce ogni partita. Noi non possiamo molto a maggio, quello che succederà a maggio sarà il riflesso di quello che succede ogni partita. Tutti vogliono giocare la Champions, ma non è la nostra realtà adesso. Vogliamo vincere oggi e fare bene in Conference».

TURNOVER – «Dall’1 settembre si cerca un confronto tra me e l’allenatore. Quando parliamo di profondità di rosa, parliamo di giovani che vogliamo valorizzare. Mourinho alla sua presentazione ha detto tante volte la parole ‘tempo’. Chiaro che se ci confrontiamo con Inter e Juventus c’è differenza. Se ci paragoniamo a progetti diversi che lottano per la Champions, la storia cambia. Si cercano sempre problemi che non esistono».

ARBITRAGGI – «Io voglio rinforzare quello che ha detto Mourinho. Non pensiamo agli arbitraggi, siamo concentrati in cosa possiamo migliorare come squadra e dentro a Trigoria. Non voglio parlare più di arbitri».

GIOVANI – «Qua in Italia il talento e la professionalità ci sono. Tra i club dobbiamo creare le condizioni giusti affinché i giovani possano arrivare in Serie A e giocare. Non è facile il salto da Primavera a Serie A, ma è il momento di fare qualcosa come regolamento per poter scommettere di più sui giovani. Noi ne abbiamo, ma serve una strategia a livello nazionale».