Connettiti con noi

Empoli News

Sampdoria, Caputo: «Contento per i gol, qui due anni bellissimi. Sulla Nazionale…»

Pubblicato

su

Caputo

Ciccio Caputo, al termine del match Empoli Sampdoria, commenta la prestazione e la doppietta realizzata: le parole a Sky Sport

Ciccio Caputo, al termine del match Empoli Sampdoria, commenta la prestazione e la doppietta realizzata: le parole a Sky Sport.

EMPOLI – «Sono contento per questi primi due gol, bella vittoria su un campo difficile. Ho vissuto due anni bellissimi. Si è vista l’accoglienza. Oggi bisognava avere un unico obiettivo, la vittoria e ci siamo riusciti».

SAMPDORIA – «Sono arrivato a Genova da poco tempo, dovevo conoscere bene mister e compagni. Solo allenandomi posso capire bene le soluzioni. Mi sono messo a disposizione e sono contento di quello che ho fatto».

PARTITA – «Questa era la partita più difficile da affrontare. Tante volte sottovaluti certe squadre. Noi sapevamo che era una grande squadra ben allenata. Devo dire che all’inizio abbiamo sofferto, poi gli abbiamo preso le misure ed è andata bene».

AZZURRO – «Nazionale? La questione non mi tocca, non mi pongo obiettivi. Ho dato il massimo finora e il campo darà le risposte. Io continuerò a fare del mio meglio e alla fine si vedrà».

MODULO – «Penso che negli anni a Empoli e Sassuolo ho giocato con due attaccanti. Con De Zerbi i risultati si son visti. Io qui sono venuto per il presidente Ferrero che mi ha trasmesso grande entusiasmo. So di avere accanto Fabio Quagliarella che è un grande attaccante e da lui posso ancora imparare tanto».

QUAGLIARELLA – «Difficile fare pronostici e promesse sui gol. Siamo due attaccanti che vogliono segnare e da sempre hanno segnato. La prossima volta toccherà a Fabio e io sarò sempre più contento».

INFORTUNIO – «Nel momento migliore della mia carriera mi sono infortunato che non mi ha lasciato al 100% l’anno scorso. Ho avuto tante difficoltà a riprendere il ritmo, ora è tutto alle spalle. Ho visto la luce in fondo al tunnel e voglio solo godermi questa nuova avventura».