Sassuolo e la svolta: il grande merito di De Zerbi

Sassuolo De Zerbi
© foto www.imagephotoagency.it

Il Sassuolo da novembre in avanti ha offerto grandi prestazioni. La svolta è merito del passaggio al 4-2-3-1

(-Dal nostro inviato) Il Sassuolo ha chiuso l’anno con la sconfitta contro il Napoli. Un ko che lascia l’amaro in bocca per come è arrivato ma i neroverdi, negli ultimi 2 mesi, hanno sfornato grandi prestazioni. Contro il Verona, a fine ottobre, De Zerbi ha sfoggiato un 4-2-3-1 che si era visto solo a gara in corso, con Djuricic trequartista e Boga titolare sulla fascia sinistra.

Poi in seguito ha affidato le chiavi del centrocampo al capitano Magnanelli e a Manuel Locatelli, cresciuto a dismisura nelle ultime settimane e reduce da 8 partite consecutive da titolare. Con il nuovo modulo il Sassuolo ha sfruttato maggiormente l’ampiezza e ha sfornato prestazioni brillanti (per due gare consecutive contro Milan e Brescia non ha incassato gol), che sono sotto gli occhi di tutti.