Connettiti con noi

Editoriale

Serie A: dal Triveneto nuove risposte per Juve e Milan

Pubblicato

su

serie a
Ascolta la versione audio dell'articolo

Ritorna la Serie A con la diciassettesima giornata che vedrà sabato in campo anche Juve e Milan a caccia di nuove risposte

La Serie A si ripropone dopo l’indigestione di coppe europee con un sabato che può sembrare banale, ma si sa, le bucce di banana sono sempre dietro l’angolo. E così tocca a Juve e Milan offrire continuità di prestazioni e risultati a propri tifosi, esattamente come alla Fiorentina di Italiano che aprirà il pomeriggio.

Al Franchi è il grande giorno del ritorno di Franck Ribery davanti al pubblico viola: dal fuoriclasse francese la Salernitana proverà a spremere le ultime gocce di talento ancora sul piatto per strappare qualche punto e scongiurare una retrocessione annunciata, al netto di quel che succederà con i tempi strettissimi per concludere il laborioso cambio di proprietà.

Improbabile però che Vlahovic e compagni si lascino commuovere dalla disperazione granata, così come la ringalluzzita Juve non avrà riguardi per un Venezia reduce dalla pazzesca sconfitta nel derby contro il Verona. Che potrebbe anche aver lasciato scorie psicologiche non trascurabili nella testa dei ragazzi di Zanetti.

E proprio il Triveneto sarà crocevia determinante per il weekend, con i bianconeri a voler rinfocolare la rincorsa alle prime quattro postazioni, magari augurandosi uno scivolone da chi lassù sta correndo come non mai.

In serata, infatti, il Milan di Pioli sarà di scena alla Dacia Arena per mantenere la vetta della classifica e dimenticare la delusione continentale. L’immediata eliminazione dalla Champions League ha confermato quanto il processo di crescita dei rossoneri sia ancora in divenire e il primo passo per tornare ai fasti di un tempo passa necessariamente da un trofeo entro i confini nazionali.

L’Udinese è avversario scorbutico per definizione, ma resta da capire come la squadra avrà digerito l’esonero di Gotti: classica scossa post trauma o depressione per l’addio del vecchio mentore?