Toro-Juve, le parole di Allegri: «La gara più difficile, ci vorrà carattere»

Toro-Juve, le parole di Allegri: «La gara più difficile, ci vorrà carattere»
© foto www.imagephotoagency.it

Il Derby della Mole è alle porte. Nella conferenza stampa pre-partita di Torino-Juventus, Max Allegri ha analizzato il momento dei bianconeri

Archiviato il primo capitolo Champions con la sconfitta indolore di Berna contro lo Young Boys, Massimiliano Allegri si preparare al nuovo impegno di campionato della Juventus, il Derby della Mole contro il Torino.

Nella conferenza stampa pre-partita, il tecnico non intende sottovalutare la “trappola” derby. Queste le sue parole: «Quella di domani sarà una gara molto importante. Il Torino ha mostrato segnali di ripresa contro il Milan, disputando un’ottima gara a San Siro. Noi dobbiamo anche pensare a recuperare le energie per iniziare questo nuovo tour de force. Ci aspetta una prova in cui dovremo dimostrare tutto il nostro carattere. Delle quattro partite che affronteremo è la più difficile, anche perché giochiamo a poche ore dallo Young Boys. Dovremo tirare fuori tutto anche a costo di giocare meno bene. Ci sono molti tifosi del Toro in città, ma ho vissuto poco l’aria di derby perché eravamo in Svizzera. La partita è indubbiamente molto sentita da ambo le parti, ma dev’essere una partita che non degenererà in brutte cose».

Le parole di Allegri lasciano pensare ad un possibile turnover; il tecnico ha rilasciato anche qualche aggiornamento sulla situazione infortuni dei bianconeri: «Cancelo sarà operato al ginocchio e tornerà dopo la sosta. Anche Cuadrado ha un problema simile, ma la sua situazione verrà valutata di giorno in giorno. Ci sono però anche notizie positive: Emre Can è tornato a disposizione, Khedira lo aspettiamo tra una settimana e Spinazzola sta bene. Contro il Torino rientra Chiellini, poi dovrò scegliere uno tra Bonucci e Rugani. Come terzini giocheranno De Sciglio e Alex Sandro,ma potrei anche valutare l’eventualità di una difesa a tre. A centrocampo ho qualche dubbio su Emre Can dall’inizio o uno tra Costa e Bernardeschi. Perin sarà titolare». Non manca naturalmente la consueta domanda relativa a Cristiano Ronaldo «Giocherà, ma tra Roma, Atalanta e Sampdoria salterà una gara. Confermato anche Mandzukic, che sta molto bene».

Infine, c’è anche spazio per un commento relativo alla lotta Scudetto e al percorso Champions: «È ancora presto, dobbiamo mantenere il distacco dalle avversarie. Abbiamo passato il nostro girone, ma prima degli ottavi ci saranno tante partite di campionato, oltre alla Supercoppa italiana. Sulle due sconfitte di Champions posso dire che non è semplice vincere tre trasferte in questa competizione. Lo dimostra il fatto che anche lo United ha perso contro il Valencia. A Berna ci siamo fatti gol da soli e abbiamo sbagliato troppe occasioni, anche per colpa della sfortuna».