Torreira non pensa al mercato: «Ora c’è la Samp, il resto non mi tocca»

torreira
© foto www.imagephotoagency.it

Lucas Torreira è uno degli uomini mercato del momento, ma l’uruguayano ha in testa soltanto la stagione 2017/2018 con la Sampdoria

Ha lasciato casa sua, l’Uruguay, Fray Bentos per la precisione, all’età di 17 anni. Una cosa che, inevitabilmente, ti porta a maturare prima e nelle parole e, soprattutto, nel calcio di Lucas Torreira c’è maturità ed equilibrio. Nella Primavera del Pescara, allenata dal fratello di Giampaolo, giocava seconda punta, poi l’intuizione di Massimo Oddo gli ha cambiato la carriera: mediano davanti alla difesa, di quelli che hanno i tempi dell’intervento ma senza disdegnare giocate qualitative.

Il top player della Sampdoria s’ispira a chi nel cuore del centrocampo ci stava una meraviglia, come racconta a Il Corriere della Sera: «Pirlo? Eh, magari fossi come lui… I riferimenti comunque sono quelli: restando agli uruguaiani, Gargano e Pizarro». Torreira che col pallone tra i piedi ci è praticamente nato: «La garra, la fame, il pallone nel sangue. Su quella strada ci sono andato a tre anni e già sognavo». Sognava la Bombonera e la maglia del Boca Juniors, ma, ben presto, potrebbe ritrovarsi a vestire la casacca di una big italiana: «Ferrero dice che valgo 50 milioni? Io voglio sempre migliorare: ora c’è la Sampdoria, il resto non mi tocca. Vengo dalla fame e dalla polvere, non mi condizionerà mai un cartellino del prezzo».