Fusco: «Bologna? Esperienza straordinaria»

27
dominguez
© foto www.imagephotoagency.it

Filippo Fusco, ds dell’Hellas Verona, ha rilasciato un’interessante intervista nella quale ha analizzato il prossimo match di Coppa Italia tra la sua squadra attuale e la ex Bologna

Il direttore sportivo dell’Hellas Verona Filippo Fusco ha rilasciato un’interessante intervista in vista del match di Coppa Italia contro la sua ex squadra il Bologna. Queste le sue parole: «Bologna è stata un’esperienza incredibilmente straordinaria nonostante un tempo relativamente breve. Ufficialmente il mio periodo a Bologna cominciò dal 7 giugno, ma mi avevano chiamato a metà maggio, fino al 29 dicembre, quando mi dimisi dopo la vittoria a Lanciano. E’ stata un’esperienza che mi ha arricchito e segnato».
FUSCO, LE DICHIARAZIONI – Il ds ha poi proseguito, nell’intervista al Corriere dello Sport, parlando delle migliorie che ha portato a Bologna e dell’attuale lavoro iniziato in estate con il Verona. Queste le dichiarazioni: «Le cose che ho portato a Bologna sono la cocciutaggine, e poi l’ottimismo della volontà che ha prevalso sul pessimismo della ragione. Ricordo che erano i tempi in cui c’era persino qualcuno che diceva: è meglio fallire». Sul lavoro a Verona: «La base di squadra era ottima, il rischio è quello delle scorie che ti restano addosso dopo la retrocessione. Bisogna fare un lavoro psicologico: io e Fabio, il giorno della firma, siamo partiti in macchina, prima a casa di Pazzini, poi Siligardi, Bianchetti e gli altri. Volevamo capire se erano disposti ad accettare la nostra sfida. E comunque non abbiamo speso nulla, abbiamo preso, da Ganz a Bessa a Luppi, tanti giocatori retrocessi». Sul match di Coppa Italia proprio contro l’ex squadra: «Per noi conta, certo, ci sarà turn over, perché domenica affrontiamo il Perugia, una delle squadre che in B gioca meglio, non sarà facile. Ma conosco mister Pecchia: è abituato a prendere sul serio ogni impegno, giocheremo per passare il turno»

Condividi