Icardi segna sempre e l’Inter passa a Empoli

27
tronchetti provera
© foto www.imagephotoagency.it

Il racconto di Empoli – Inter, partita della quinta giornata di Serie A 2016/2017. Il tabellino e la cronaca della sfida del Castellani

E’ appena terminata EmpoliInter, partita valida per la giornata numero 5 di Serie A, stagione 2016/2017. Martusciello vuole il terzo risultato utile consecutivo dopo il successo con il Crotone e il pari di Torino e schiera i suoi con il 4-3-1-2 con Barba e Dimarco al posto di Costa e Pasqual in difesa, Buchel in mediana in luogo di Croce e con Saponara alle spalle di Maccarone e Pucciarelli. Panchina per Gilardino. De Boer conferma in buona parte la formazione che ha battuto la Juventus domenica sera. Difesa confermata in blocco, novità a centrocampo con Banega squalificato, rimpiazzato da Kondogbia e con Joao Mario spostato sulla trequarti insieme a Candreva e a Perisic, a sostegno di Icardi.

PRIMO TEMPO – Buona partenza dell’Inter che dopo 10 minuti è già in vantaggio: D’Ambrosio serve Candreva che dal limite dell’area pennella un delizioso cross per Icardi che in tuffo di testa supera Skorupski. Icardi per la prima volta in carriera segna per la quarta gara consecutiva nella massima serie; primo gol nel primo tempo in questo campionato per l’Inter che passa in vantaggio in una gara, tra campionato ed Europa League, per la prima volta dopo 6 partite. L’Empoli non reagisce e la formazione ospite raddoppia: al 17’ Joao Mario ruba palla in mezzo al campo e serve Maurito che si invola verso la porta empolese e con il destro supera Skorupski. Sono 6 in campionato per l’argentino, attuale capocannoniere della Serie A. L’Empoli, dopo un discreto avvio, non riesce a ritrovare la bussola dopo l’uno-due interista firmato da Icardi e rischia il tracollo. Al 28’ Dioussè sbaglia tutto e lancia in porta Icardi che è un avversario e non un compagno di squadra ma per fortuna del giovane classe ’97 il numero 9 interista questa volta sbaglia il controllo e favorisce l’uscita bassa di Skorupski. Pochi minuti più tardi Joao Mario serve Candreva sulla destra che rifinisce per D’Ambrosio, il tiro del terzino nerazzurro è pericoloso ma è bloccato in due tempi dal portiere polacco. L’Inter abbassa i ritmi e la squadra di Martusciello mette il naso fuori dalla propria metà campo. Protagonista Dimarco: il terzino di proprietà dell’Inter ma in prestito all’Empoli sfiora il gol in due occasioni ma Handanovic si guadagna la pagnotta con due parate importanti.

SECONDO TEMPO – Succede poco nella ripresa. L’Inter abbassa i ritmi della gara e non riesce a creare grandissime azioni pericolose mentre l’Empoli prova a fare lo scherzetto ai nerazzurri ma non riesce mai ad incidere del tutto. Succede poco fino al 79’ quando Perisic mette il turbo lasciando sul posto Bellusci, crossa dal fondo per Icardi che ostacolato da Eder, colpisce male, spedendo di poco sopra la traversa. Pochi minuti più tardi chance per l’Empoli: Pucciarelli serve Marilungo, entrato per uno spento Saponara, ma la conclusione dell’ex Atalanta non trova lo specchio. Vittoria importante e meritata per l’Inter che dà continuità al successo con la Juventus e trova la terza vittoria consecutiva in campionato.

IL TABELLINO

Marcatori: 10’ 17’ Icardi (I)

Note: Ammoniti: Murillo, Medel, Miranda, Joao Mario (I); Maccarone (E)

Arbitro: Guida

Empoli (4-3-1-2): Skorupski; Laurini (69’ Zambelli), Bellusci, Barba, Dimarco; A. Tello, Dioussé, Buchel (58’ Croce); Saponara (69’ Marilungo); Maccarone, Pucciarelli. A disp.: Pelagotti, Pasqual, Cosic, Mauri, Maiello, Pereira, Krunic, Mchedlidze, Gilardino. All.: Martusciello

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Santon; Medel (85’ Felipe Melo), Kondogbia (74’ Gnoukouri); Candreva (75’ Eder), Joao Mario, Perisic; Icardi. A disp.: Carrizo, Miangue, Ansaldi, Nagatomo, Ranocchia, Palacio, Jovetic, Gabigol. All.: De Boer

Antonio Parrotto
Giornalista sportivo. Non vendo sogni ma solide news. E anche panini, birre e patatine.
Condividi
Articolo precedente
pjanic sintesiMonologo Juventus, Cagliari non pervenuto: poker e primo posto
Prossimo articolo
convocati BosniaLe pagelle: Roma – Crotone