Allegri è sicuro: «La Juve punta alla Champions»

© foto www.imagephotoagency.it

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, non si nasconde più e fissa gli obiettivi: i bianconeri vogliono la Champions

E’ la Champions League il grande obiettivo della Juventus 2018/2019. Il club bianconero, dopo due finali perse negli ultimi 4 anni, puntano al colpaccio in questa stagione e ormai non possono più nascondersi. L’all in dei bianconeri, evidente con l’arrivo di Cristiano Ronaldo ma anche con i 40 milioni investiti per Joao Cancelo e con il ritorno di Leo Bonucci, un difensore più pronto, almeno nell’immediato di Caldara, dice tutto sulle ambizioni della società bianconera.  Massimiliano Allegri torna a fissare la Champions League come obiettivo primario della Juventus in questa stagione.

Il tecnico bianconero, intervenuto a margine di un evento commerciale al Samsung District di Milano, ha parlato all’Ansa degli obiettivi della sua Juventus. L’allenatore livornese non si nasconde più e punta dritto alla Champions League. Queste le sue dichiarazioni: «Dopo sette scudetti e quattro Coppe Italia consecutive, puntiamo all’Europa, sfiorata nelle due finali di Champions raggiunte negli ultimi quattro anni». La Juventus di Allegri dunque, da outsider vuole trasformarsi in principale favorita. In tanti considerano i bianconeri pronti al definitivo salto di qualità, pronti a spodestare il Real Madrid, campione per tre anni di seguito.

Poi le dichiarazioni su Ronaldo, sugli infortunati e sui record: «Ronaldo? Va gestito normalmente, come sempre, facendogli sentire la nostra vicinanza. Se poi fa come a Udine dove ha segnato un gol straordinario….Record? Mi ricordo quando il Milan di Capello vinse col mio Pescara 5-4 e il mister disse che non avrebbero più perso dopo aver portato a casa quella partita. Ed effettivamente andò così ma le partite vanno vinte una alla volta e alla ripresa affronteremo il Genoa che ha appena cambiato tecnico. Infortunati? Douglas sta riprendendo e con il Genoa ci sarà, Khedira invece non è detto, vedremo».