Allegri può finire all’estero, Juventus al lavoro per Zidane o Inzaghi

allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

La Juventus potrebbe fare a meno di Allegri. Un finale di stagione super del livornese potrebbe far gola alle grandi europee. Si “scaldano” Inzaghi e Zidane

Una Juventus senza Massimiliano Allegri è possibile, almeno stando alle ultime voci. Il tecnico bianconero sembra destinato a rimanere a Torino la prossima stagione, ma si stanno facendo largo alcuni rumors che lo vorrebbero altrove in Europa. Il Chelsea, il Manchester United, il Paris Saint Germain e probabilmente anche il Real Madrid potrebbero andare incontro a un cambio di guida tecnica. Allegri è considerato il vero maestro della Juventus, colui che le ha dato il dna internazionale e l’ha portata a vincere tutto in Italia e a imporsi anche in Europa. Va detto, però, che ogni considerazione sarà fatta solamente a fine stagione. Allegri sta bene alla Vecchia Signora e il sentimento è ricambiato, ma le grandi europee sono in pressing. Un finale di annata trionfale potrebbe chiudere il ciclo di Allegri alla Juventus, che così sarebbe più appetibile per Chelsea, Real, Manchester o PSG.

Per Allegri Juventus o estero: in bianconero Zidane o Inzaghi

Chi andrebbe alla Juventus dopo il livornese? Secondo Il Corriere dello Sport sono due i nomi principali per i bianconeri, ovvero Simone Inzaghi e Zinedine Zidane. Inzaghi allena la Lazio ma si è mostrato spesso una vera bestia nera per la Juventus, a cui ha sottratto l’unico trofeo assegnato per ora in Italia, la Supercoppa Italiana. La Juventus ha più volte mostrato segni di apprezzamento per il mister emiliano e potrebbe tentarlo qualora Allegri andasse via. I rapporti con la Lazio non sono ottimi, ma la Juve ci proverà. L’alternativa di lusso è Zidane, che a Torino è già passato nelle vesti di calciatore. In Spagna scrivono che la sua avventura a Madrid sta per terminare, Zizou rimarrebbe libero a fine stagione e in corso Galileo Ferraris potrebbero farci più di un pensierino. Tutto dipenderà dai prossimi mesi e dai trofei che alzerà Allegri.