Brasile-Perù, Everton e il sacrificio dei verdeoro

Brasile-Perù, Everton e il sacrificio dei verdeoro
© foto www.imagephotoagency.it

La posizione di Everton nel finale esprime bene la generosità dei giocatori del Brasile. Analisi tattica

Il Brasile ha dovuto giocare gli ultimi 25′ della finale di Copa America contro il Perù in 10, a causa dell’espulsione di Gabriel Jesus. Tite, con l’ingresso di Richarlison e Militao, ha scelto quindi di difendersi con un passivo 441.

Lo si vede nella slide sopra: Militao fa il terzino destro, Dani Alves l’ala destra e Everton l’esterno sinistro del Brasile. Richarlison è la prima punta verdeoro, resta alto per poter essere servito in caso di recupero palla. Insomma, in inferiorità numerica il Brasile ha mostrato generosità e sacrificio da parte di tutti nella difesa della propria area.