Connettiti con noi

Focus

Buffon Juve, dai primi giorni in bianconero alla nascita del mito – VIDEO

Pubblicato

su

Buffon Juve: le origini del mito e le prime volte in bianconero. Il racconto dei primi momenti del portiere a Torino – VIDEO

Come nei migliori romanzi meglio partire dall’inizio per gustarsi meglio l’epilogo, serve riavvolgere il nastro di un paio di decenni e tornare agli esordi per comprendere nei dettagli il fenomeno Gigi Buffon. Sbarca sul pianeta Juventus il 13 luglio 2001, con un sorriso un po’ così e i capelli un po’ così, inconsapevole di quello che sarebbe diventato, da lì a poco. «Il numero di maglia? Penso comunque che sia l’1» la prima battuta per stemperare la tensione. Nemmeno il tempo delle presentazioni ufficiali con i nuovi compagni e si parte, direzione Chatillon per il ritiro pre campionato, e il primo bagno di folla da giocatore della Juventus. Subito in campo assieme a Rampulla e Carini, per assimilare i nuovi ritmi e abituarsi ai metodi di allenamento bianconeri, ma è come se Gigi fosse da subito impermeabile alle pressioni. E con un alleato prezioso come Thuram, che ha condiviso insieme a lui il grande salto dal Parma.

Il 22 luglio l’esordio in partita – amichevole – contro la Rappresentativa Valle d’Aosta, conclusa 8-0 per i bianconeri. Mentre Lippi in panchina assapora il suo sigaro gli applausi del pubblico e i flash dei fotografi sono tutti per Buffon, in campo con la coda di cavallo e un improbabile elastico viola(scaramanzia?). Riscaldamento curato nei minimi dettagli e l’emozione della prima volta con la maglia bianconera (gialla in realtà) sulle spalle, l’ultimo chiarimento con Zambrotta prima del calcio d’inizio e poi il campo, la prima volta a Chatillon in amichevole, l’ultima contro l’Atalanta in Coppa Italia, in mezzo 19 anni di Juventus, compresa la Serie B, per segnare un’epoca ed entrare nella leggenda bianconera.

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement