C’è la Juventus per Mancini: Lazio battuta con gol dell’ex

© foto www.imagephotoagency.it

All’Olimpico decide la rete di Lichtsteiner: Juventus in semifinale

La Juventus passa all’Olimpico grazie ad una rete dell’ex Stephan Lichtsteiner, batte la Lazio ed accede alle semifinali di Coppa Italia: avversaria sarà l’Inter di Mancini in gara doppia. Si allontana l’Europa per gli uomini di Pioli, che ora dovranno risalire presto la classifica per sognare la qualificazione alla prossima Europa League. Oppure, obiettivo ancor più complesso, vincere quella attuale.

PRIMO TEMPO – Lazio e Juventus in campo all’Olimpico per stabilire la quarta semifinalista dell’attuale edizione della Coppa Italia: rotazioni sia per Pioli che Allegri, gara di cruciale importanza per la Lazio che passando il turno avrebbe una chance fondata di restare in Europa. Subito buoni ritmi in avvio di gara, il primo tentativo porta la firma di Sturaro, battuta dai venticinque metri troppo centrale però per impensierire Berisha. Al 12’ minuto calcio di punizione da oltre trenta metri per la Lazio, si incarica della battuta Candreva che trova potenza ma non precisione, pochi istanti ed arriva la chance clamorosa per Keita, che perfettamente servito da Biglia spara alle stelle a tu per tu con Neto. Ora occasioni da una parte e dall’altra: al 16’ piazzato calciato da Marchisio, irrompe Pogba in area biancoceleste e manda appena alto con un gran colpo di testa. Al 26’ spreca, insolitamente, Zaza: l’attaccante ritarda il momento della conclusione e si fa recuperare da Bisevac al momento del tiro, debole, sugli sviluppi dell’azione gran botta di Pogba e risposta in corner di Berisha in estensione. Leggero predominio territoriale della Juventus, Lazio che dopo un discreto approccio fatica nella costruzione della tela di gioco. Episodio dubbio al 34’: gran giocata di Morata su Bisevac che poi si aiuta con il corpo in piena area per limitarlo, protesta lo spagnolo ma si prosegue. Calo qualitativo nel finale e poche azioni da raccontare, si va all’intervallo su uno 0-0 tutto sommato giusto.

SECONDO TEMPO – Non ci sono sostituzioni in avvio di ripresa: scelte rinviate in corso d’opera, ancora un buon approccio da parte della Lazio che prova a guadagnare metri di campo, aspetto sul quale era venuta meno nel primo tempo con lo scorrere dei minuti. Occasione clamorosa sprecata dalla Juventus al 6’ minuto: Morata fallisce con la strada spianata verso la porta biancoceleste e calcia inspiegabilmente su Berisha, la palla però resta in piena area di rigore, irrompe Zaza ma manda a lato a porta di fatto sguarnita. Ancora enorme chance per la Juve: Berisha esce a farfalle, il colpo di testa di Pogba assume una strana traiettoria ed il pallone finisce di poco alto sulla traversa della porta biancoceleste. Ancora Juve al 17’: Chiellini stacca indisturbato da corner ma schiaccia troppo la palla che si impenna e termina a lato. Al 21’ arriva il vantaggio della Juventus: gran giocata di Zaza che si esibisce in un tiro a giro, la palla si stampa sul palo ma irrompe Lichtsteiner che calcia lentamente ma riesce a mandare oltre la linea della porta biancoceleste. Decisivo nel  caso l’intervento della Goal Line Technology. Bianconeri immediatamente vicini al raddoppio con una ripartenza condotta da Sturaro, al 31’ Zaza fa ancora il bello e il cattivo tempo ed ancora una volta si perde al momento della battuta vincente mandando a lato da posizione favorevole. Chance per i subentrati Dybala e Mandzukic nel finale, basta il gol dello svizzero: risultato finale Lazio-Juventus 0-1.

JUVE CON MERITO, POCA LAZIO – Buon approccio alla gara in termini di intensità da parte della Lazio che sfiora il vantaggio con Keita, biancocelesti poi in difficoltà sul pressing della Juventus, che nel primo tempo ha avuto le occasioni migliori con Zaza e Pogba: hanno funzionato a livello di tenuta e ritmo le rotazioni di Allegri, forse un po’ meno sul piano dell’imprevedibilità. La Lazio si ripete nell’impatto sulla gara in apertura di ripresa: Juve che inizialmente sembra sorpresa dall’atteggiamento biancoceleste, come nel primo tempo poi prende le misure all’avversario ed ha buone occasioni per portarsi in vantaggio. Decide poi il più beffardo dei gol dell’ex: Lichtsteiner ribadisce in rete una fiammata di un ispirato Zaza, invece un po’ confusionario in fase di finalizzazione. Vittoria nel complesso meritata: Juventus in semifinale dove affronterà (sfida di andata e ritorno) l’Inter di Mancini.

TABELLINO – LAZIO – JUVENTUS 0-1

Marcatori: Lichtsteiner (J) 66’

Ammoniti: Lazio – Lulic, Mauricio, Konko; Juventus – Chiellini, Zaza, Dybala

Espulsi:

Lazio (4-3-3): Berisha; Konko (al 73’ Felipe Anderson), Bisevac, Mauricio (al 62’ Hoedt), Radu; Milinkovic-Savic, Biglia, Lulic; Candreva, Klose (all’82’ Matri), Keita. In panchina: Guerrieri, Matosevic, Patric, Braafheid, Cataldi, Onazi, Parolo, Mauri, Djordjevic. Allenatore: Stefano Pioli

Juventus (3-5-2): Neto; Caceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (all’80’ Cuadrado), Sturaro, Marchisio, Pogba, Alex Sandro; Morata (al 75’ Mandzukic), Zaza (al 90’ Dybala). In panchina: Buffon, Audero, Rugani, Padoin, Asamoah, Hernanes. Allenatore: Massimiliano Allegri