Cagliari, Cellino concorda con Zedda sul nuovo stadio

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

CAGLIARI CELLINO STADIO ZEDDA – In un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, Massimo Cellino dice sì al sindaco Zedda e parla del percorso da seguire per la realizzazione di uno «scenario» inseguito, con scarsa fortuna, da ben tredici anni. Queste le parole del presidente sul ritorno del Cagliari al Sant’Elia in questa stagione: «La situazione odierna del Sant’Elia spiega le ragione per cui un anno fa siamo stati costretti a una presa di posizione forse impopolare ma, dal nostro punto di vista, non rinviabile. Ma questo è il passato: siamo tornati a casa, anche se in condizioni faticose con le quali dovremo fare i conti. Alludo a una capienza che probabilmente all’inizio chiederà un altro sacrificio ai tifosi, visto che stando a quanto ipotizzano i nostri tecnici che lavorano a stretto contatto dei tecnici comunali ci saranno non più di cinque mila posti a disposizione. Le parole del sindaco in Consiglio sono state importanti e allora io dico: lavoriamo al presente per entrare materialmente dentro il Sant’Elia e giocarci il prima possibile, ma parallelamente avviamo subito, oggi stesso, il lavoro per arrivare allo stadio definitivo secondo le condizioni confermate dal Sindaco avant’ieri». Il presidente accoglie dunque l’idea del Sindaco per la realizzazione del nuovo impianto: «Incaricherò immediatamente i nostri tecnici e i dirigenti affinché riprendano l’ultimo progetto che avavamo presentato come “Karalis Arena” e chiederemo al Comune di poterne discutere. Con la premessa che condivido in toto gli auspici che Massimo Zedda ha elencato. Pensiamo anche noi a uno stadio per il calcio, moderno, fruibile e accogliente, con servizi di ristorazione, alberghi, l’accoglienza, iniziative di intrattenimento, la sede sociale, il museo del Cagliari. Negozi? Si, ma legati allo sport. Niente centri commerciali, niente edilizia residenziale, concordo al cento per cento con il Sindaco»