Marotta nuovo dirigente dell’Inter: «Farò parte della grande Inter, un orgoglio»

Marotta nuovo dirigente dell’Inter: «Farò parte della grande Inter, un orgoglio»
© foto www.imagephotoagency.it

Il dirigente dell’Inter è arrivato in sede per il Consiglio d’Amministrazione che ratificherà la sua nomina. CdA Inter: le ultimissime

Beppe Marotta è ufficialmente il nuovo amministratore delegato dell’Inter, come riporta il comunicato ufficiale della società nerazzurra: «FC Internazionale Milano annuncia oggi la nomina di Giuseppe Marotta ad Amministratore Delegato Sport. L’esperto dirigente assumerà la carica sin da subito e sarà responsabile dell’intera area sportiva del Club. FC Internazionale Milano adotterà un modello societario con doppio amministratore delegato, in cui Giuseppe Marotta lavorerà a fianco di Alessandro Antonello, che assumerà la carica di Amministratore Delegato Corporate, responsabile di tutte le attività aziendali»

Ecco le sue prime parole da nuovo dirigente dell’Inter: «Da oggi farò parte della grande Inter. Ricoprirò una carica importante, che è quella di amministratore delegato dell’area sport, un capitolo importante per la mia vita professionale, un ruolo pieno di grande responsabilità. Questo non mi spaventa: si inizia un nuovo percorso, un nuovo percorso che deve essere vincente». Sono arrivate le parole di benvenuto anche di Steven Zhang, presidente nerazzurro: «Questo è un cambiamento importante per il Club, in linea con il nostro obiettivo di diventare una società vincente e un’azienda di successo. Come Inter, vogliamo vincere, appassionare, ispirare e unire le persone attraverso il calcio. Beppe è uno dei migliori dirigenti in ambito calcistico e ci aiuterà a raggiungere i nostri obiettivi. Fuori dal campo, Alessandro garantirà il miglioramento delle nostre performance, la realizzazione dei nostri progetti strategici e la promozione dei valori del Club all’interno dell’organizzazione».

L’ex dirigente bianconero ha aggiunto poi: «I punti a disposizione sono ancora tanti, non bisogna rilassarsi e capire che tutti i traguardi sono raggiungibili. Già da sabato con l’Udinese è importante per ritrovare quella stima che forse si è persa. L’Inter deve avere un ruolo apicale nel calcio europeo, è la sua storia, lo dice il suo palmares ricco di successi. Normale che nelle decisioni che bisogna prendere debba avere un ruolo autoritario. È un brand fortissimo, con una storia fatta di tanti trofei conquistati e grandi giocatori, l’amore dei tifosi verso questi colori è indelebile e sta a noi cercare di tenere alto sempre il nostro vessillo»