Samp in vendita? 3 gruppi alla finestra (e si fa il nome di Ferrara)

Samp in vendita? 3 gruppi alla finestra (e si fa il nome di Ferrara)
© foto www.imagephotoagency.it

Ci sarebbero 3 gruppi interessati all’acquisto della Sampdoria da Massimo Ferrero: uno arabo, uno americano ed uno indiano con sede a Londra rappresentato dall’ex Ciro Ferrara

Giocando un po’ di anticipo, ieri Massimo Ferrero alla cena di Natale della Sampdoria lo aveva accennato: «Adesso usciranno delle cose, cioè che la Samp va venduta». Detto, fatto. Stamane non a caso si parla della possibilità di cessione del club bluerchiato da parte del produttore cinematografico nei prossimi mesi: all’orizzonte ci sarebbero ben tre gruppi interessati. Uno di questi, con sede a Londra, sarebbe in realtà gestito da un gruppo di imprenditori indiani ed avrebbe come referente l’ex allenatore sampdoriano (ed ex giocatore di Napoli e Juventus) Ciro Ferrara. Proprio a Londra – sempre stanto ai gossip – ci sarebbero stati contatti preliminari per l’acquisto della Sampdoria, società che Ferrero appena fino a qualche mese fa valutava la bellezza di 150 milioni di euro. Forse troppi…

Il club blucerchiato gode di ottima salute (il prossimo bilancio si chiuderà in attivo di 5 milioni) ed è possibile che la richiesta del patron romano cali a 100 milioni. Non è la prima volta che si parla del resto della possibilità di vendita della Sampdoria: sono ormai anni che, ciclicamente, la notizia viene riportata da organi di stampa (e puntualmente smentita dai diretti interessati). Le ultime parlavano di un interessamento anche da parte dell’imprenditore italiano, attivo guarda caso a Londra, Andrea Radrizzani, patron del Leeds e numero uno di Eleven Sports, la società che acquisti i diritti di trasmissione dei nostri campionati all’estero, oltre che di un imprenditore di Abu Dhabi imparentato con la famiglia reale già padrona del Manchester City. Ecco, sempre da Abu Dhabi proverrebbe un altro dei fondi, oltre a quello indiano, attualmente interessato alla Samp, poi si parla infine di una società americana non meglio identiciata. Sarà vero almeno stavolta?