Chi era Daniele Belardinelli, investito a morte negli scontri tra ultras fuori San Siro

Chi era Daniele Belardinelli, investito a morte negli scontri tra ultras fuori San Siro
© foto www.imagephotoagency.it

Daniele “Dede” Belardinelli era un noto ultras del Varese, già nei registri della procura per vari scontri passati tra tifosi

Non solo rissa in campo, ma anche fuori. E con le conseguenze più gravi. La battaglia ultras scatenata fuori San Siro tra tifosi interisti e napoletani ha portato alla morte di Daniele Belardinelli. “Dede” come veniva chiamato a Varese, dove è nato nel 1979, era un ultras della squadra della città, membro del gruppo organizzato Blood&Honour. Già noto alle forze dell’ordine per numerosi scontri passati, era già stato daspato per 5 anni dalla questura per degli scontri tra tifosi del Como e dell’Inter durante un’amichevole.

Belardinelli era molto noto nella su città poiché campione di MMA, in particolare in una specialità detta “scherma corta”. Durante gli scontri al di fuori dello stadio, in Via Novara, il 35enne è stato investito da un SUV, ma trasportato d’urgenza in ospedale non è riuscito a salvarsi.