Roma, Dzeko da incubo: non segna all’Olimpico da quasi un anno!

Roma, Dzeko da incubo: non segna all’Olimpico da quasi un anno!
© foto www.imagephotoagency.it

Edin Dzeko in crisi nera con la Roma: il bosniaco non segna in Serie A all’Olimpico da 11 mesi (ben 14 gare), ma il Napoli è una delle sue vittime italiane preferite…

Il rapporto tra Edin Dzeko e la Roma sembrerebbe essersi decisamente deteriorato negli ultimi mesi. In questa stagione l’attaccante bosniaco ha segnato appena sette gol in campionato ma, come mostrano le statistiche, nessuno di questi in casa. Escludendo infatti la Champions League, Dzeko non riesce ad andare in rete all’Olimpico da quasi un anno: l’ultima volta fu in occasione della doppietta rifilata al Chievo il 28 aprile 2018, da allora sono passati la bellezza di undici mesi. Nel frattempo sono passate pure 14 gare in cui l’attaccante ha avuto la possibilità di rompere il digiuno casalingo in Serie A, senza però mai riuscirci: un dato piuttosto curioso per un giocatore un tempo abbastanza prolifico, che però certifica una crisi che, quasi sicuramente, a fine stagione lo porterà all’addio alla Roma.

Contro il Napoli stasera una delle ultime occasioni per poter sfatare il tabù: Dzeko dovrebbe essere titolare al centro dell’attacco giallorosso e del resto va anche sottolineato come la squadra azzurra sia una delle sue vittime preferite in Italia (4 gol segnati finora, solo al Chievo ne ha fatti di più, ovvero 5). Claudio Ranieri affiancherà al bosniaco in attacco per l’occasione Diego Perotti e Patrick Schick (in una delle rare occasioni in cui il ceco potrà finalmente fare coppia proprio con Dzeko), alle loro spalle il trio composto da Nicolò Zaniolo, Bryan Cristante e Steven Nzonzi, mentre in difesa è recuperato Aleksandar Kolarov, che si affiancherà a Davide Santon, Ivan Marcano e Federico Fazio, mentre in porta per il momento è confermato, nonostante le ultime prove incerte, Robin Olsen. Recuperato per la gara anche Kostas Manolas: il difensore greco dovrebbe però sedere solo in panchina.