Connettiti con noi

Genoa News

Genoa, Destro: «Non mollo il sogno Nazionale. Che calore la nuova proprietà»

Pubblicato

su

Destro

L’attaccante del Genoa Mattia Destro ha parlato del momento positivo che sta vivendo con la maglia rossoblù

Mattia Destro, attaccante del Genoa, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha parlato del grande momento che sta vivendo con la maglia del Grifone.

GOL CON BOTTIGLIETTA – «Mi sono reso conto che in quel momento avevo una bottiglietta d’acqua in mano, ma realmente facevo fatica a capire dove avrei potuto buttarla. Avevo chiesto di bere alla panchina, mentre il gioco s’era spostato nella nostra metà campo. Poi, però, è ripartito all’improvviso e mi sono detto: “Buttarla in campo, no… allora l’ho tenuta in mano e in un attimo il gioco s’è spostato sul nostro fronte d’attacco e così sono andato a far gol tenendola con me…». 

TESTIMONIAL ECOLOGICO – «Ne sono felice, perché ciò ha permesso di far passare un messaggio importante, anche se il mio gol in verità è stato tutto istinto. L’ecologia? Sì, ci pensavo anche prima, ma l’idea di essere stato trasformato in un testimonial involontario su un tema così importante mi dà gioia». 

NAZIONALE – «La massima ambizione di ogni calciatore è arrivare o tornare in Nazionale. Io mai ho abbandonato questa idea». 

RIMPIANTI – «No, ma avrei potuto fare delle cose in maniera diversa. Tuttavia, se ho agito in un certo modo c’è sempre stato un motivo. Non rinnego nulla: se ripenso a tutto ciò che mi è successo e a tante cose che molti non sanno, forse avrei dovuto avere comportamenti diversi, ma solo se fossero stati ragionati. Invece io sono sincero, onesto, non rifletto. Preferisco, perché poi sto bene con me stesso»

PANDEV – «Premettiamo che lui è un giocatore straordinario (e porta le mani in alto, per mimare la grandezza del compagno, n.d.r.). Io sto bene fisicamente e mentalmente. La nascita di mio figlio, l’anno scorso e tante altre cose mi hanno reso così». 

NUOVA PROPRIETA’ – «Ho percepito nella nuova proprietà grande calore. E poi avere ritrovato al Ferraris i nostri tifosi ha un enorme significato».