Patto Inter-Milan per il nuovo stadio: tre le ipotesi

Patto Inter-Milan per il nuovo stadio: tre le ipotesi
© foto www.imagephotoagency.it

Inter e Milan studiano nuove soluzioni per uno stadio condiviso. Tre le ipotesi in ballo in questo momento: le ultimissime

Inter e Milan a lavoro per risolvere la questione stadio, obiettivo prioritario del nuovo Milan di Elliott e anche dell’Inter di Suning. Al momento, secondo La Gazzetta dello Sport, sarebbero al vaglio tre ipotesi. Inter-Milan andranno avanti a braccetto e avranno un nuovo impianto (al momento si fa strada l’abbandono di San Siro). Il nuovo impianto potrebbe sorgere nei pressi dell’area dell’ex Trotto, adiacente allo stadio di San Siro, ora di proprietà della Snai. Il Comune, che è proprietario del Meazza, non vorrebbe che i due club lasciassero il Meazza, dove davanti allo stadio è stata costruita la fermata della metro, attiva dal 2015, ed è per questo che il sindaco Sala è favorevole alla costruzione di un nuovo stadio ma in zona San Siro.

Una delle ipotesi, come detto, è la costruzione dello stadio nell’ex area Trotto. Rimane viva l’ipotesi di non abbandonare San Siro ma di renderlo più funzionale e moderno, togliendo il terzo anello e abbassando la capienza a 60-65 mila posti, sfruttando le aree vicine per far nascere un’arena moderna. La terza ipotesi porterebbe i due club a costruire il nuovo stadio nell’area ex Falck, nei pressi di Sesto San Giovanni: i contatti con i club ci sono già stati. Qui si potrebbe lavorare con più velocità (l’obiettivo è avere uno stadio condiviso entro il 2022) e sono già pronte le licenze commerciali (l’area è di privati). In gioco ci sono tanti milioni e Inter e Milan vanno di fretta.