Italia, hai un grande problema: il gol

© foto www.imagephotoagency.it

La casella 0 nei gol realizzati dall’Italia contro l’Argentina è una costante dell’ultimo periodo

Sapete qual è il paradosso dell’Italia? Avere in rosa un bomber, Ciro Immobile, da 34 gol stagionali e non riuscire, comunque, a battere a rete con regolarità. Lo dicono le statistiche, il mancato rumore della rete quando la palla varca la linea bianca, i pochi fotogrammi dei calciatori in maglia azzurra mentre esultano. Il segnale di crisi, probabilmente, più evidente dal playoff contro la Svezia a questa parte. Con il 2-0 firmato dall’Argentina di Jorge Sampaoli, l’Italia è arrivata alla terza sfida senza segnare, dopo l’1-0 e lo 0-0 contro gli svedesi.

Sono saliti, dunque, a 287 i minuti senza segnare e ha una media realizzativa, stando ai dati riportati da Opta, di 1 gol ogni 210 minuti nelle ultime sfide affrontate. Adesso, dall’Inghilterra in poi, la nazionale azzurra è chiamata ad una netta inversione di tendenza. Segnare per sbloccarsi davanti alla rete ma soprattutto nella mente. Più che questo periodo di transizione, però, tale analisi dovrà essere rivista a partire da giugno, quando sulla panchina della nazionale maggiore siederà il commissario tecnico che dovrà guidare, per davvero, il nuovo corso azzurro. Nel mentre, però, anche un Mario Balotelli in più non farebbe male.