La Lega respinge gli attacchi di Salvini e Boldrini: «Donne libere di andare allo stadio»

La Lega respinge gli attacchi di Salvini e Boldrini: «Donne libere di andare allo stadio»
© foto www.imagephotoagency.it

Polemiche dopo la scelta di disputare la partita in Arabia, ma Micciché respinge le accuse

Ha suscitato molto clamore il comunicato della Lega Calcio circa le informazioni per l’acquisto dei biglietti per la Supercoppa italiana tra Juve-Milan che si disputerà a Gedda. In partciolare, ha indignato il fatto che alcuni settori dello stadio saudita non saranno accessibili alle donne, costrette a stare nei settori denominati “family”. Molte forze politiche (tra cui Salvini e Boldrini) si sono opposte a questa decisione manifestando il loro sdegno

A far indignare il ministro dell’Interno e l’ex presidente della Camera, nello specifico, era il divieto imposto alle donne di recarsi allo stadio senza un accompagnatore maschio. Divieto prontamente smentito dalla Lega di Serie A, attraverso le parole del presidente Gaetano Micciché: «La nostra Supercoppa sarà ricordata dalla storia come la prima competizione ufficiale internazionale a cui le donne saudite potranno assistere dal vivo, senza nessun accompagnatore uomo, come scritto erroneamente da chi vuole strumentalizzare il tema».