Matuidi ko, Allegri cambia: ecco come sarà la nuova Juve

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

L’infortunio di Matuidi costringe Allegri a ridisegnare la sua Juventus. Ecco le nuove idee tattiche dell’allenatore

La Juventus dovrà fare a meno di Blaise Matuidi per diverse settimane. Il centrocampista francese ha lasciato il campo dopo 26 minuti di gioco, nel corso della sfida con il Sassuolo, e per Massimiliano Allegri non sono in arrivo buone notizie. Il centrocampista, salvo sorprese, sarà costretto a rimanere fuori dalle 2 alle 4 settimane e salterà l’importantissima sfida di Champions League contro il Tottenham. Il francese ha dimostrato di essere un elemento fondamentale per questa Juve, tanto da spingere Max a cambiare modulo.

La svolta bianconera è arrivata dopo il passaggio al 4-3-3 ed è coincisa con l’ingresso nella formazione titolare di Blaise Matuidi. Con il 4-2-3-1 Allegri si affidava spesso e volentieri a Pjanic e Khedira ma con il modulo con i tre centrocampisti ha trovato maggiore equilibrio, grazie al lavoro sporco dell’ex PSG. Il ko del centrocampista spingerà il tecnico a cercare nuove soluzioni tattiche. Difficile immaginare, soprattutto in Champions League contro il Tottenham, una Juventus in campo con uno tra Marchisio, Sturaro e Bentancur dal 1′ minuto. Le tre alternative ai tre titolarissimi di centrocampo infatti non sembrano convincere al 100% Max Allegri.

Bentancur è stato titolare per un periodo, sfruttando gli infortuni di inizio stagione, e sembrava essere la prima alternativa ai titolari ma è sparito dai radar (4 apparizioni in campionato da novembre ad oggi per un totale di 54 minuti). Marchisio, che ha disputato una buona prova con il Sassuolo, non sembra offrire garanzie e Sturaro, sempre ottimo nell’impegno, non sembra essere all’altezza. Se dovesse recuperare Dybala, possibile il 4-2-3-1 con Douglas o Bernardeschi sulla destra. Senza Matuidi non ci sarà spazio al 4-3-3 e potrebbe esserci invece spazio per un 4-4-2 con Mandzukic o Alex Sandro sulla sinistra. L’alternativa è il ritorno alla difesa a 3 con l’ingresso di Barzagli nella formazione titolare e con Lichtsteiner (o De Sciglio) e Alex Sandro sulle corsie laterali.