Leonardo attacca l’Uefa: «Eliminazione ingiusta, arbitraggio scandaloso»

Leonardo attacca l’Uefa: «Eliminazione ingiusta, arbitraggio scandaloso»
© foto www.imagephotoagency.it

Leonardo non ci sta e attacca l’Uefa per l’arbitraggio di Olympiacos-Milan: ecco le parole del dt rossonero nel post-gara

Leonardo è una furia nel post-gara di Olympiacos-Milan, terminata 3-1 e che ha sancito l’eliminazione del Diavolo dall’Europa League. Ecco le parole del dt a Sky: «Possiamo valutare la partita, ma il rigore è inesistente e ci sono altri episodi, ha fischiato il calcio d’angolo che era inesistente e che poi possono succedere degli errori, ma nascono da una certa instabilità. Il giocatore dell’Olympiacos ha toccato la palla come per metterla in gioco e nessuno ha fischiato, un minuto prima lo ha fatto Castillejo e lui è stato fermato, sono stati usati due pesi e due misure. La palla era fuori dal punto della battuta, se il giocatore la tocca con la mano è fallo. Poi c’era un rumore incredibile quando avevamo palla, fatto con un clacson e non è permesso da regolamento. Non voglio discutere, ma è stato determinante questo arbitraggio, è incredibile che non ci sia uno strumento come la VAR che ormai usano tutti».

Continua Leonardo, come riportano i colleghi di Milan News 24: «Il rumore? L’arbitro doveva fermare la partita, poi dopo che abbiamo subito gol la cosa è peggiorata ancora. Non è stato un bel girone, lo sappiamo, però oggi noi iniziavamo la partita a 10 punti e con tre punti di vantaggio sull’Olympiacos e giocare così ha complicato moltissimo le cose. Il rigore è completamente inventato». Poi sulla squadra: «E’ ancora in costruzione, dobbiamo migliorare su tutto, la squadra deve crescere tantissimo, recuperare giocatori e sappiamo tutti che siamo una squadra giovane e che deve crescere tantissimo. Non voglio trovare alibi, ma uscire così è veramente ingiusto»