Connettiti con noi

Europa League

Milan, allora è un derby? Il presidente del Dudelange: «Io tifo Inter»

Pubblicato

su

flavio becca dudelange

Il Milan alla sfida europea contro il piccolo Dudelange. Il presidente della squadra lussemburghese, Flavio Becca, ammette senza remore le proprie simpatie nerazzurre…

Davide contro Golia e l’ennesima riproposizione a tema calcistico di questa sera, in Europa League, quando il Milan si troverà ad affrontare fuori casa il piccolo Dudelange, prima squadra lussemburghese in assoluto nella storia ad approdare alla fase a gironi di una competizione europea per club. Da una parte gli uomini di Gennaro Gattuso dall’alto dei propri mezzi tecnici e – soprattutto – della propria storia. Dall’altra invece l’F91 Dudelange (questo il nome ufficiale), società semi-sconosciuta al calcio professionistico ma con un dna in parte italiano. Il patron della formazione del Granducato è infatti tale Flavio Becca, imprenditore locale ma di chiarissime origini nostrane che in Italia ha anche lavorato. L’ironia del destino vuole che Becca, in verità, tifi Inter

«Se è vero che tifo per i nerazzurri? Sì, ed ero socio dell’impresa Torno, che ha costruito il terzo anello di San Siro», ha ammesso candidamente il numero uno del Dudelange nel corso di una intervista rilasciata stamane per La Gazzetta dello Sport. Becca, che ha costruito una squadra in gran parte di giocatori lussemburghesi guidata da Dino Toppmoller – giovane allenatore figlio di quel Klaus che nel 2002 riuscì nell’impresa di portare il Bayer Leverkusen in finalissima di Champions League contro il Real Madrid – ha idee e obiettivi chiari: al momento la propria formazione vale quanto una qualsiasi squadra della nostra Serie C, eppure nulla impedisce di sognare il colpaccio. «Sono realista, ma se arrivasse un pari…», ha raccontato l’imprenditore italo-lussemburghese oggi. Il calcio, si sa, può sempre regalare sorprese.