Roma, caos ritiro. Mossa consapevole o scelta avventata?

Roma, caos ritiro. Mossa consapevole o scelta avventata?
© foto www.imagephotoagency.it

Roma, ufficiale la rinuncia a Pinzolo. Si attende la sentenza Uefa sul Milan: mossa corretta rinunciare al ritiro in Trentino?

È ufficiale la rinuncia della Roma al ritiro di Pinzolo, che sarebbe dovuto partire il 29 giugno e prolungarsi per tutta la settimana di luglio. Scelta societaria, maturata dopo alcune riflessioni da parte di Paulo Fonseca e il suo staff. La decisione incide non poco sul territorio trentino, che aveva messo tutto a punto per l’arrivo dei capitolini. Scelta ovviamente non apprezzata dal sindaco della località, che ha già dichiarato di intervenire contro la società.

Decisione derivata dalla scelerata gestione da parte della Uefa della situazione riguardo il Milan. A meno di un mese dal primo match di preliminari di Europa League (25 luglio) lo scenario è ancora totalmente incerto. Sembrava che la settimana scorsa potesse essere quella buona per un verdetto, ma tutto si è tramutato in un nulla di fatto. Mettendo in difficoltà le programmazioni di Roma e Torino, i due club direttamente interessati. A questo punto viene da intuire che i giallorossi abbiano un “sentore” sulla squalifica dei rossoneri, altrimenti non si spiegherebbe la scelta di cominciare gli allenamenti appena due settimane prima dell’impegno ufficiale. La mossa di non andare a Pinzolo sarà ripagata?