Roma, certezze poche ma buone. Su chi deve puntare adesso Fonseca

fonseca_conferenza-stampa-roma-2019
© foto www.imagephotoagency.it

Roma, Fonseca adesso fa la conta sui giocatori su cui costruire la nuova squadra. I profili non sono più tanti ma di enorme qualità

Primi intensi giorni di lavoro a Trigoria per la Roma, agli ordini del suo nuovo tecnico Paulo Fonseca. Momenti utili per assimilare a poco a poco le idee del portoghese e trasmutarle il prima possibile all’interno del rettangolo di gioco. Le certezze all’interno della squadra, all’attualità delle cose, non sono molte. Per questo l’allenatore deve ottimizzare al massimo il tempo con tutti. Non ha ancora la sicurezza su chi potrà contare e su chi dovrà fare a meno, questo solo il mercato e il tempo glielo diranno.

Tuttavia esistono alcuni profili sul quale sta cercando di fondare la sua nuova squadra. Piccolo assunto: la Roma è nella situazione per cui nessun giocatore è incedibile di fronte a un’offerta da capogiro. Detto questo, determinati giocatori sono proiettati verso un ruolo da leader all’interno della rosa. In primis è momento di Kolarov, l’unico dei “superstiti” dell’ossatura della vecchia squadra insieme a Fazio. Sono loro i giocatori più esperti dal punto di vista anagrafico ma anche come esperienza in campo. Gli si affiancano profili del calibro di Florenzi e Pellegrini, i due reduci della deromanizzazione citata da Totti nella famosa conferenza stampa.

Su di loro sono riposte le speranze del presente e sopratutto del futuro. Cresceranno, matureranno ancora, e dovranno far da chioccia ad altri giocatori attualmente più “acerbi”. È il caso di Under, Kluivert, Zaniolo. Giusto per citare i tre più talentuosi, che con la continuità potrebbero dare soddisfazioni non indifferenti ad allenatore, direttore sportivo e sopratutto tifosi. Perché è quello l’obiettivo principale nell’immediato, regalare nuovamente entusiasmo. Far battere di nuovo i milioni di cuori giallorossi in giro per il mondo.