Sampdoria: fondo Abu Dhabi interessato, mistero 4,76%

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria – Abu Dhabi: possibile offerta per i blucerchiati da un fondo arabo di identità ignota. Ok i conti della società di Massimo Ferrero, che però per il momento non molla il colpo. Resta solo il mistero di una quota del gruppo che gestisce i blucerchiati: a chi appartiene?

La Sampdoria è in vendita? Domanda chiara, risposta un po’ meno. Teoricamente no. La squadra blucerchiata, da circa tre anni di proprietà di Massimo Ferrero, non parrebbe al momento sul mercato, anche perché, al netto delle voci degli ultimi anni, a posto con i bilanci e con i conti in ordine anche grazie alle plusvalenze realizzate con le cessioni di alcuni giocatori. Eppure, a cicli alterni, tornano le voci che vedrebbero il club diretto alla vendita da parte di Ferrero: nelle ultime ore si sarebbe parlato con una certa insistenza di un gruppo di Abu Dhabi, che per ora rimane rigorosamente anonimo, interessato. Qualcuno avrebbe addirittura chiesto al presidente blucerchiato ed al suo braccio destro, l’avvocato Antonio Romei, i conti della Sampdoria per poter eventualmente stabilire un’offerta, ma la verità è un’altra: di proposte concrete sul tavolo non ce ne sono ad oggi. Nemmeno dall’Italia, ovvero da Massimo Zanetti, patron di Segafredo ed ex numero uno del Bologna, colui che secondo le prime indiscrezioni pareva uno degli imprenditori italiani più interessati alla Sampdoria. Ferrero, dal canto suo, non molla il colpo: non cederà i blucerchiati a meno di un’offerta da 100 milioni di euro, come aveva pubblicamente annunciato. A quelle cifre, anche volendo, è difficile arrivi qualcuno, spiega stamane Il Secolo XIX.

Cessione Sampdoria? I conti sono ok, mistero 4,76%

A meno di novità da Abu Dhabi dunque, per adesso nessuna novità sul fronte cessione. La Sampdoria resta una società tutto sommato sana, a parte i debiti strutturali, su cui prima garantiva ancora la famiglia Garrone con alcune fideiussioni, che dovranno essere tenuti d’occhio e man mano coperti con gli utili provenienti dal calciomercato. Resta solo un piccolo mistero, quello riguardante il 4,76% delle quote di Holding Max, la holding che è al vertice del Gruppo Ferrero, che gestisce anche la Sampdoria, ceduto da Giorgio Ferrero (il fratello di Massimo) ad Unione Fiduciaria, un gruppo che si propone di gestire i pacchetti azionari di clienti che, volontariamente, non vogliono esporsi in prima persona. Tradotto in altri termini, anche una parte della Sampdoria potrebbe essere nelle mani di una persona (fisica o giuridica) il cui nome resta avvolto nell’ombra. Di chi si tratta?