Il Derby livornese della Mole: Mazzarri vs. Allegri, che frecciate!

Il Derby livornese della Mole: Mazzarri vs. Allegri, che frecciate!
© foto www.imagephotoagency.it

Toro-Juventus è anche il derby dei due allenatori, Walter Mazzarri e Massimiliano Allegri: entrambi livornesi (più o meno) e soprattutto rivali. Tra loro non c’è mai stata simpatia

Due uomini separati da due città: Livorno prima, Torino oggi. La sfida tra Walter Mazzarri e Massimiliano Allegri non può essere una delle tante: di mezzo c’è l’orgoglio, la solidarietà, ma pure la rivalità di due allenatori provenienti (quasi) dallo stesso posto, ma diversi in tutti. Mazzarri, nato a San Vincenzo (sessanti chilometri da Livorno), non può essere ritenuto un livornese doc (almeno secondo i livornersi doc). Allegri invece, nato a Livorno, di livornese ha sempre avuto poco (in carriera, da calciatore, ha militato perfino negli odiati rivali del Pisa). Tra i due non è mai corso buon sangue: «Se vuole, l’arbitro può sceglierselo lui», disse Allegri del rivale alla vigilia di un Milan-Napoli di sette anni fa rispondendo alle (solite) polemiche di Mazzarri. Da allora non è c’è mai stata poi così tanta simpatia.

«Non lo frequento e non mi interessa», disse una volta l’attuale tecnico granata del collega bianconero. «Non lo conosco, ma mi pare bravo», rispondeva con classe Allegri. Qualche anno fa sembravano entrambi destinati a una grande carriera, Mazzarri forse persino più di Allegri: la storia è invece andata – almeno per adesso – in maniera molto diversa. Max vince tutto, Walter prova a riportare in alto il Toro dopo anni difficili (i suoi e quelli granata). Quando recentemente l’ex tecnico del Napoli ha avuto un malore, il rivale juventino è però stato il primo a fargli gli auguri di pronta guarigione pubblicamente: stasera, nel Derby della Mole, che poi è un derby livornese, chissà non ci scappi magari anche un bacino…