Toro, pochi dubbi per la sfida con lo Shakhtyor Soligorsk

Toro, pochi dubbi per la sfida con lo Shakhtyor Soligorsk
© foto www.imagephotoagency.it

Giornata di viglia per il Toro, atteso domani dallo Shakhtyor nell’andata del terzo turno preliminare di Europa League

Vigilia della sfida con lo Shakhtyor Soligorsk per il Toro, che oggi al Filadelfia svolgerà l’ultimo allenamento di preparazione alla partita. La seduta potrebbe fugare gli ultimi dubbi di Mazzarri riguardo alla formazione da mandare in campo contro i bielorussi. Alcune decisioni potrebbero essere svelate dal mister granata già alle 13.30 nella conferenza pre gara, che si terrà allo Stadio Grande Torino. L’allenatore toscano dovrà soprattutto decidere se puntare ancora sulla coppia d’attacco composta da Zaza e Belotti, in gran spolvero in queste prime gare in Europa, o riproporre il sistema con due trequartisti alle spalle del Gallo.

Tra i pali sarà ovviamente confermato Sirigu, e davanti al portiere sardo la linea composta da Izzo, Nkoulou e Bremer. Nessun dubbio nemmeno sulle corsie esterne, dove agiranno ancora una volta De Silvestri ed Ansaldi, tra i più positivi in questo inizio di stagione. A centrocampo spazio ancora a Meité, mentre al suo fianco se la giocano in tre, Baselli, Rincon e Lukic. Il bresciano è reduce dal problema muscolare patito a Debrecen, e anche se perfettamente recuperato potrebbe essere risparmiato. Allo stesso tempo però sia Baselli che Lukic potrebbero affiancare Berenguer come trequartisti alle spalle di Belotti.

La soluzione più probabile è però quella che vedrebbe, per la gioia dei tanti tifosi attesi per la prima casalinga del Toro, ancora due punte a guidare l’attacco. Con Belotti e Zaza schierati davanti, Berenguer svolgerebbe il ruolo di raccordo i reparti offensivi, in un 3-4-1-2 che molto spesso potrebbe essere il vestito indossato dal Toro di Mazzarri in questa stagione.