Totti e il Porto: «Siamo stati fortunati. Di Francesco? Siamo con lui»

Totti e il Porto: «Siamo stati fortunati. Di Francesco? Siamo con lui»
© foto www.imagephotoagency.it

Francesco Totti, dirigente della Roma, ha parlato dopo il sorteggio di Champions League. Ecco le sue parole

La Roma affronterà il Porto agli ottavi di finale di Champions League. Francesco Totti, dirigente della Roma, ha commentato l’esito del sorteggio a Sky Sport. Ecco le sue dichiarazioni: «Miglior sorteggio possibile? Siamo stati abbastanza fortunati vedendo le altre squadre ma non dobbiamo sottovalutare il Porto perché è una squadra forte e impegnativa, è prima in classifica in campionato, ha fatto un girone di qualificazione ad altissimo livello, poi le dichiarazioni sono un conto, il campo è un altro. Crisi? Se ne riparlerà a febbraio e avremo due mesi di tempo per tornare la Roma di sempre e cercheremo di rientrare a febbraio al top. Due mesi non sono tantissimi ma neanche pochi. La continuità, i risultati, la fiducia di giocatori e mister: bisogna compattarsi per uscire dalle difficoltà».

Ancora Totti: «Di Francesco? Oggi è l’allenatore della Roma, siede sulla panchina della Roma e cercheremo di arrivare dove siamo arrivati lo scorso anno, lui cercherà di portarci dove ci ha portato lo scorso anno. Non sarà semplice ma dobbiamo crederci. Siamo a 2 punti dalla quarta e anche se non abbiamo fatto un gran campionato, possiamo ribaltare i giudizi. Non servono parole per il mister, lui deve essere bravo a trovare la soluzione migliore. Sergio Conceiçao? Ci siamo affrontati in svariati derby, vinti e persi, mi fate ricordare cose belle perché facevo il giocatore. Sta facendo un grandissimo percorso, ha voluto intraprendere il ruolo di allenatore e spero possa fare grandi cose da marzo in poi. La vittoria col Genoa? Ci sono passato quasi ogni anno in queste situazioni anche perché non una piazza come Roma è difficile. E’ normale che tanti giocatori avessero paura di giocare, di fare un passaggio, avevi solo un risultato e avevi tutti contro, serviva determinazione e la vittoria è stata la lieta notizia ma ieri contava il risultato. Ora cercheremo di fare una settimana tranquilla e serena per affrontare la Juve, una delle migliori squadre d’Europa. Se mi sto divertendo in questo nuovo ruolo? Sono all’inizio. Sto percorrendo un percorso molto lungo. Ora sto vedendo un po’ di luce e cercherà di dare tutto me stesso, come ho fatto in campo».