Retroscena Zaniolo-Roma: l’Inter preferì cedere lui e non altri…

Retroscena Zaniolo-Roma: l’Inter preferì cedere lui e non altri…
© foto www.imagephotoagency.it

Zaniolo decisivo con la maglia della Roma, Nainggolan deludente con quella dell’Inter: ecco i retroscena dello scambio estivo

L’esplosione di Nicolò Zaniolo con la maglia della Roma ha fatto esplodere, contestualmente, pure la rabbia dei tifosi dell’Inter: il centrocampista classe 1999 in estate era stato ceduto, ricorderete, dai nerazzurri ai giallorossi nell’ambito dell’affare che aveva portato Radja Nainggolan a Milano. Un affare, col senno del poi, decisamente frettoloso: mentre il centrocampista belga sta stentando parecchio all’Inter, mettendo in evidenza tutta quella serie di debolezze caratteriali che già si erano intraviste nel corso della sua carriera, Zaniolo – come detto – sta sbocciando a suon di gol e prestazioni. Eppure, appena sei mesi fa proprio Nainggolan era stato richiesto a gran voce dal tecnico nerazzurro Luciano Spalletti, supportato da tutto il resto della dirigenza, che non aveva fatto una piega alla controproposta romanista.

Sì, perché Monchi, oltre ai 38 milioni del cartellino del Ninja, aveva chiesto anche almeno un paio di giocatori: uno era Davide Santon (pure lui finito alla Roma dall’Inter), l’altro un giovane di prospettiva. Tre erano i nomi sul piatto in quel momento, svelano stamane i retroscena di stampa: il portiere Ionut Radu, che però era già promesso sposo del Genoa (dove sta comunque impressionando favorevolmente in questi mesi), l’attaccante argentino Facundo Colidio, che però un anno fa l’Inter aveva pagato 9,4 milioni di euro dal Boca Juniors (per metterlo a bilancio nerazzurro come plus-valenza la Roma avrebbe dovuto pagarlo di più e sarebbe stato complicato) e, appunto, Zaniolo. Su quest’ultimo la dirigenza interista non avrebbe opposto tante resistenze: l’obiettivo era chiudere ad ogni costo per Nainggolan ed il giovane centrocampista è stato iscritto a bilancio come una cessione a 4,2 milioni di euro (e l’Inter lo aveva comprato a un paio dalla Virtus Entella un anno prima) risultando pure come plus-valenza. Contenti tutti? Non proprio…