Zola e il problema Italia: «Fatichiamo a produrre fantasisti»

zola
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Gianfranco Zola all’indomani del sorteggio per gli spareggi Mondiale 2018 e le chance degli azzurri di Ventura

Intervistato dal quotidiano Repubblica, Gianfranco Zola, ex calciatore della Nazionale Italiana dal 1991 al 1997, ha rilasciato alcune dichiarazioni all’indomani del sorteggio per gli spareggi del Mondiale. L’Italia affronterà la Svezia e ‘Magic Box’ è fiducioso circa la qualificazione degli azzurri di Giampiero Ventura a Russia 2018. Ma qual è il problema principale del movimento calcistico italiano? «Le squadre hanno badato per troppo tempo solo al risultato e hanno tralasciato il gioco. Manca qualità: ai miei tempi, c’erano sette, otto alternative nel mio ruolo. Ora l’Italia fa fatica a produrre i ‘creativi’, in Spagna invece i fantasisti sono tanti e giocano tutti. Tragedia in caso di mancata qualificazione? Assolutamente no. Le tragedie sono altre».

Prosegue ancora Zola aprendo il cassetto dei ricordi e tracciando un paragone con la Germania dei primi anni Duemila: «Ricordo quando la Germania fu eliminata dagli Europei, nel 2000. Quella delusione fu lo slancio per una vera e propria ristrutturazione. Il calcio tedesco è nuovamente ai vertici. Premier League? L’intensità delle partite inglesi è incredibile. In passato eravamo superiori tatticamente, ora la Premier ha fatto passi da gigante sotto questo aspetto. Scudetto? Lo vincerà il Napoli se riesce ad esprimere il suo gioco fino al termine del campionato».